Manutenzione supercar: i numeri eclatanti di Ferrari, Lamborghini e Bugatti

Costose, esclusive e particolari all’atto di acquisto, si rivelano della stessa pasta quando tornano in officina per il classico tagliando programmato.

1/4

Acquistare una supercar nuova non è di certo un’azione alla portata di tutti. Provare a comprarne una usata, ammesso che non sia un modello particolare, esclusivo e in tiratura limitata, può rende più facile e agevole il compito. Certo è che anche se usate le supercar nel normale utilizzo quotidiano rimangono pur sempre delle vetture non alla portata di tutti. I costi di gestione e di manutenzione rimangono, infatti, elevati sia che si acquisti una supercar nuova e sia che si ricorra all’usato di seconda mano. Bollo e assicurazione sono sempre li in agguato, i consumi di carburante di certo non diminuiscono e i costi di manutenzione non possono che farsi più elevati mano a mano che si avanza con i chilometri e l’età.

Di base però questi costi non sono di certo bassi o per lo meno abbiamo scoperto alcune, per così dire, assurdità che portano a sottolineare per l’ennesima volta che ci troviamo di fronte a vetture particolari e non alle comuni utilitarie che quotidianamente vediamo circolare per le strade. Senza voler scendere troppo nello specifico o addentrarsi troppo nei listini o nei preventivi di un vero tagliando di una Ferrari o Lamborghini, vi basti sapere per esempio che 6 tagliandi di una Ferrari possono richiedere anche più di 40 ore di manodopera con un costo orario oltretutto di ben 95 euro per ora.

O ancora che una Lamborghini può arrivare a chiedere fino a 22 litri di refrigerante in un solo tagliando e tutti noi ben sappiamo quanto ci viene fatto pagare anche solo un litro di questo liquido. Per non parlare poi delle marmitte catalitiche della Bugatti che ne ha ben 6 sotto il suo pianale o ancora dei 10 radiatori che trovano posto sotto la sua carrozzeria all’interno dei quali circolano fino a 800 litri di refrigerante al minuto. Costi insomma esorbitanti che vanno affiancati a quelli necessari per la sostituzione di pneumatici dalle dimensioni folli e di impianti frenanti carboceramici o per il riempimento di serbatoi non solo grossi ma facilmente svuotabili: vi basti pensare che la Bugatti Veyron alla velocità massima svuota il suo serbatoio in soli 8 minuti (190 l/100 km di consumo).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News