a cura di Redazione Automobilismo - 17 settembre 2019

Manutenzione strade: a Roma e a Milano arriva “l’asfalto eterno”

In grado di resistere fino a 250 volte in più rispetto agli asfalti tradizionali comunemente utilizzati oggi, il nuovo manto stradale ricoprirà le strade della Capitale e della città della Madonnina.

1/6

Realizzata da Iterchimica, azienda italiana specializzata in additivi per l'asfalto, la speciale tecnologia prevede l’adozione di Gipave, un super modellante a base di grafene. Denominato come dicevamo “asfalto eterno”, è un particolare asfalto al grafene che garantisce migliori prestazioni delle pavimentazioni stradali, con particolare riferimento all'aumento della resilienza e alla diminuzione della suscettibilità termica anche con forti escursioni termiche.

Minore manutenzione

Il super asfalto sarebbe quindi in grado di resistere fino a 250 volte in più rispetto agli asfalti tradizionali comunemente utilizzati oggi. L’asfalto eterno sarebbe oltremodo una tecnologia green e altamente innovativa perché, permettendo di ridurre la formazione di buche stradali e garantendo una maggiore vita utile, contribuirebbe a ridurre i costi di manutenzione rispetta i capitolati d'asfalto attualmente in vigore che prevedono l'utilizzo di asfalto riciclato.

Dopo Roma ora Milano

Dopo i test avviati lo scorso anno all’interno della Capitale, prima città al mondo a sperimentare il grafene, su una pavimentazione lunga 1.000 metri della Via Ardeatina, il nuovo asfalto troverà finalmente applicazione reale nella città della Madonnina con il parziale rifacimento di due strade provinciali: la Milano-Meda (SP 35) e la Lacchiarella (SP 40).

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News