Lotus, in arrivo quattro nuove auto elettriche tra cui due SUV entro il 2026

I nuovi modelli Lotus saranno costruiti in Cina, ma il Regno Unito rimarrà la casa delle auto sportive del marchio...

1/13

Lotus traccia il suo futuro elettrico, con la conferma di quattro nuove auto elettriche entro il 2026. La nuova gamma Lotus EV, sarà composta da cinque modelli con l'inclusione della già rivelata hypercar Evjia.

Dal 2022 arriverà un SUV Premium di grandi dimensioni con nome in codice Type 132, mentre il 2023 vedrà l'arrivo di una coupé a quattro porte di dimensioni simili, denominata Type 133, che si profila come un concorrente diretto della Tesla Model S.

Un SUV di medie dimensioni, "segmento D" noto come Type 134 è previsto per il 2024, le dimensioni dell'auto suggeriscono che sarà un rivale della BMW iX3.

Ma, accanto ai due SUV e alla coupé a quattro porte, il marchio rimarrà fedele al suo DNA, con una nuova auto sportiva, che arriverà nel 2026 e sarà completamente elettrica.

Non sarà l'erede della Lotus Emira a benzina rivelata recentemente, ma affiancherà questo modello .

Tre di questi veicoli utilizzeranno l'architettura Premium recentemente annunciata da Lotus, una nuova piattaforma per auto completamente elettriche.

È stato sviluppata da Lotus, lo ricordiamo di proprietà di Geely, per vetture orientate allo "lifestyle", in questo caso, i due SUV e la coupé a quattro porte.

Qualche dettaglio in più di questa piattaforma è già emerso. I modelli che utilizzano l'architettura Premium avranno passi che vanno da 2.998 mm a 3.100 mm, con batterie da 90 kWh a 120 kWh di capacità.

Non solo, Lotus ha anche confermato che l'architettura Premium è elettrificata a 800V, come la piattaforma Porsche / Audi J1, vedi Taycan ed e-tron GT.

Questo dovrebbe garantire una capacità di ricarica ultraveloce di 350 kW, mentre in termini di pure prestazioni, la Casa britannica afferma che le auto basate sulla "Premium Architecture" avranno powertain in grado di garantire il classico 0-100 km/ in meno di tre secondi.

I nuovi modelli Lotus saranno costruiti in Cina, in una nuova fabbrica a Wuhan che aprirà entro la fine dell'anno. Costruita ad un costo di circa 900 milioni di sterline, la fabbrica di Wuhan avrà una capacità costruttiva di circa 150.000 auto all'anno, al picco della produzione.

Lotus ha anche rivelato una nuova filiale tecnologica in città, rivelando le immagini del nuovo campus Lotus Technology che aprirà, sempre a Wuhan, nel 2024.

Detto questo, il Regno Unito rimarrà la casa delle auto sportive Lotus. Le strutture esistenti del marchio, a Hethel e a Norwich, e il team Lotus con sede nel Regno Unito svilupperanno nuovi modelli sportivi ad alte prestazioni oltre ovviamente all' Evija.

1/13

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA