a cura di Redazione Automobilismo - 04 dicembre 2018

Lombardia: incidenti stradali in diminuzione

Il numero di incidenti e di vittime della strada della regione lombarda sono in diminuzione, una tendenza che si protrae da diversi anni.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/5

    Nel corso della ottava giornata della sicurezza stradale, organizzata dal Centro Regionale di Governo e Monitoraggio della Sicurezza Stradale (CMR) della Regione Lombardia, sono stati divulgate le statistiche in merito alla incidentalità media della regione Lombardia e di 12 provincie lombarde. Secondo quanto riportato dai dati dello studio, la situazione lombarda è in miglioramento con una tendenza positiva che ormai si protrae da alcuni anni. Nella regione lo scorso anno scorso gli incidenti stradali hanno causato 423 morti e 44.996 feriti con un calo di circa il 60,6% nel periodo dal 2001 al 2017. Questa tendenza positiva ha portato a risultati positivi persino migliori di quelli della media nazionale.

    Prima a livello nazionale

    Questo risultato positivo però non è da attribuire solamente alla riduzione nel numero degli incidenti ma anche al miglioramento nell’indice di mortalità per sinistro che, sempre secondo le statistiche, è passato dall’1,4% nel 2001 all’1,3% nel 2017. Anche in questo caso il dato è migliore della media nazionale che, invece, si ferma a quota 1,9%. Seppure tutti gli indici siano in continuo miglioramento non si deve però dormire sugli allori perché gli obiettivi fissati dal programma europeo per la sicurezza stradale sono ancora più stringenti. Basti pensare, infatti, che rispetto al dato fissato per il 2020, in Lombardia nel 2017 si sono comunque registrate 76 vittime in eccesso, valore che sale a 918 se si considera quelle a livello nazionale. Proprio per questo nel corso dell’iniziativa è stato siglato un accordo per un continuo miglioramento della situazione attuale, cercando di concentrare maggiormente l’attenzione verso le categorie più deboli che circolano sulle nostre strade, pedoni e motociclisti in primis.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime