di Giorgio Sala - 06 ottobre 2019

Legend Cars, tanto divertimento e costi contenuti

Una formula concepita a inizio anni '90 negli Stati Uniti sta prendendo sempre più piede in Europa e, adesso, anche in Italia. Scopriamo più a fondo questo campionato raccontandovi com'è organizzato, quanto costa e come sono fatte queste particolari vetture

1/10

I trofei monomarca stanno riprendendo piede nel nostro paese, e tra questi c’è la Legend Cars. Si tratta di monoposto in stile hot rod americano, con carrozzerie che si rifà alle auto USA degli anni ’30. Queste vetture a trazione posteriore con differenziale bloccato dispongono di un medesimo telaio e con un peso che si aggira attorno ai 450 kg. Sono previsti due tipi di motori Yamaha: un tre cilindri da 900 cc o un motore da 1.000 cc, entrambi capaci di erogare circa 140 CV. Il primo è abbinato a un cambio sequenziale a sei marce, il secondo a una trasmissione a cinque rapporti.

Il concetto nasce nel 1992 in North Carolina (USA) e sono importate in Italia esclusivamente dal Motodromo di Castelletto di Branduzzo (PV) che, inoltre, organizza un “Trofeo Italia” con un calendario itinerante. Le Legend Cars si sfidano tra i cordoli delle piste di Adria, Cremona, Varano De’ Melegari e Castelletto. Il forte di queste auto, oltre al peso ridotto, è il costo: per una vettura ci vogliono 21.990 euro (iva inclusa), e nel prezzo è inclusa anche l’iscrizione a tutte le 8 gare del Trofeo Italia. Il prezzo scende a 18.990 euro se si vuole noleggiare la vettura per un anno anziché acquistarla. Per chi invece già dispone di questo tipo di vetture, il costo d’iscrizione al Campionato è di 4.000 euro + IVA e include logistica, benzina, gomme e iscrizione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News