Incentivi auto: nessun rifinanziamento all’interno del decreto Agosto

Decisione fortemente bocciata da Federauto e Unrae, quella intrapresa dal Governo, soprattutto per un settore che vale il 10% del PIL nazionale e da cui dipendono migliaia di piccole e medie aziende, con decine di migliaia di posti di lavoro attualmente a rischio.

1/3

Nonostante i primi segnali di ripresa del settore proprio grazie alla forte spinta degli incentivi e sebbene ci si stia avvicinando a una possibile seconda ondata che potrebbe innescare conseguenze abbastanza simili a quelle già viste questa primavera, il Governo con il decreto Agosto, già approvato in Senato, ha pensato bene di non rifinanziare gli auto in vigore fin’ora e oramai esauriti o in via di esaurimento. Un decisione che va in controtendenza rispetto a quanto fatto a livello locale da Milano e a livello regionale dal Piemonte che hanno deciso di rifinanziare gli incentivi locali per sostenere l’acquisto di nuove e più ecologiche vetture a fronte per esempio della rottamazione di un veicolo vecchio, insicuro e inquinante.

Lapidari Federauto e Unrae che hanno immediatamente bocciato la decisione del Governo, definendola una occasione mancata. "Si tratta di una scelta che sfiora l’autolesionismo, visto che gli incentivi già varati e presto esauriti non solo hanno ravvivato un mercato in fortissima crisi e salvato posti di lavoro, ma hanno prodotto in poche settimane un maggiore incasso per lo Stato e contribuito positivamente al PIL”. Bne 58 i milioni di euro in più in gettito IVA senza contare i maggiori introiti legati all’immatricolazione dei veicoli. Se a tutto questo aggiungiamo i numeri positivi per le concessionarie e le Case auto con ben il 9,5% in più di vetture immatricolate e il 47,4% in più di vetture rottamate rispetto allo stesso mese di settembre ma dello scorso anno. Un bel balzo in avanti che anche sotto l’aspetto delle emissioni ha fatto sentire i suoi frutti con un livello di emissioni medie di CO2 che è passato da 118,4 a 105,6 g/Km, circa l'11% in meno.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News