a cura di Redazione Automobilismo - 01 dicembre 2019

Incentivi auto: Giuseppe Conte pensa a importanti novità

Taglio IPT sull’usato con rottamazione che verrà coperto con l’abolizione del bollo ridotto per le vetture ultraventennali.

1/4

Stando alle ultime notizie giunteci in redazione, il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, starebbe valutando una importante proposta avanzata dall’ACI. Secondo il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, si potrebbe attingere dai fondi impiegati per dimezzare in alcune Regioni il bollo delle auto ultraventennali, per tagliare l’IPT a chi rottama una vettura fino a Euro 3 e ne acquista una usata più recente. Una manovra di agevolazioni che porterebbe a incentivare lo svecchiamento di un parco circolante, quello italiano, tra i più vecchi del Vecchio Continente. Stando a Sticchi Damiani: “Il prossimo anno il bollo ridotto per le vetture ultraventennali ci costerà 25 milioni di euro e l’anno successivo oltre 70 milioni. Sono risorse che vanno utilizzate meglio, non per incoraggiare le persone a mantenere auto inquinanti e pericolose”. Per questo lo stesso Sticchi Damiani propone un taglio del 50% per chi demolisce la sua vecchia auto e ne compra una usata più moderna. Un discorso che potrebbe essere fatto sicuramente per il circa 35% del parco circolante italiano che è rappresentato da auto pre-Euro 4, con oltre 4 milioni di Euro 0. Una proposta che il premier avrebbe accolto di buon occhio e starebbe valutando in questi giorni. “Lei suggerisce un riorientamento del parco auto senza necessariamente mettere in campo incentivi con grandi impegni finanziari, il che è musica per le mie orecchie in questo momento in cui bisogna far quadrare i conti. Con la ministra dei Trasporti De Micheli ci impegniamo a valutare la proposta, perché condividiamo l’obiettivo di rinnovare il parco auto”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News