Herbert Diess CEO Volkswagen : "Sono preoccupato per Wolfsburg. E su Tesla vi dico..."

Il CEO afferma che VW deve essere più simile a Tesla per garantire un futuro a lungo termine della fabbrica più importante per Volkswagen. Il CEO Herbert Diess ha esortato i lavoratori tedeschi a prepararsi per una revisione più profonda in termini occupazionali per rimanere competitivi quando Tesla aumenterà la produzione di veicoli nella sua prima fabbrica europea fuori Berlino il prossimo anno...

1/17

Il CEO afferma che VW deve essere più simile a Tesla per garantire un futuro a lungo termine della fabbrica più importante per Volkswagen. Il CEO del Gruppo Volkswagen Herbert Diess ha esortato i lavoratori tedeschi a prepararsi per una revisione più profonda in termini occupazionali per rimanere competitivi quando Tesla aumenterà la produzione di veicoli nella sua prima fabbrica europea fuori Berlino il prossimo anno.

Tesla sta rapidamente migliorando la qualità costruttiva e sembra destinata a raggiungere un tempo di produzione di sole 10 ore per auto nel suo stabilimento di Gruenheide, ha detto Diess giovedì in un incontro con i dipendenti a Wolfsburg.

La principale fabbrica di auto elettriche di VW, a Zwickau, necessita di più di 30 ore per completare veicolo, che dovrebbero essere ridotte a 20 ore l'anno prossimo.

"Sì, sono preoccupato per Wolfsburg", ha detto Diess ai lavoratori al primo raduno post COVID dei dipendenti nel più grande sito di produzione automobilistica "Voglio che i vostri figli e nipoti possano ancora avere un posto di lavoro sicuro qui con noi a Wolfsburg. Questo è il mio punto oggi. Ecco perché sono qui".

Diess ha cancellato un viaggio negli Stati Uniti questa settimana, secondo quanto riporta Automotive News, in cui avrebbe dovuto incontrare investitori e visitare aziende tecnologiche sulla costa occidentale per lenire le crescenti tensioni con i potenti leader sindacali VW in Germania.

ll Consiglio di sorveglianza, lo stato della Bassa Sassonia e i rappresentanti dei lavoratori stanno discutendo i problemi più attuali: carenza di chip, perdite di vendite, scarso utilizzo della capacità degli impianti, problemi di qualità e non ultimo uno scarso stile di comunicazione del capo VW. Inoltre, c'è la sua vicinanza al Elon Musk, che molti percepiscono come assecondante.

Non meno tenera il nuovo capo del consiglio di fabbrica VW, Daniela Cavallo, che nel corso dell’ultima assemblea dei lavoratori della VW ha invitato Diess a concentrare la sua attenzione sulla risoluzione della persistente carenza di chip che ha colpito Volkswagen più duramente di Tesla o del BMW Group invece di impegnarsi in attività sui social media.

Tempo fa Diess aveva minacciato 30mila esuberi per aumentare la produttività e ridurre la distanza in particolare con Tesla. «Non so se si renda conto della situazione qui», lo ha incalzato, ricordandogli le 820 mila auto da produrre ogni anno entro il 2020: «alla fine sono state 400 mila» e «siamo lontani dall’obiettivo del milione».

"Ci fornite spesso belle foto dei vostri viaggi, ma sfortunatamente non ancora quelle dei semiconduttori", ha detto. "C'è poco lavoro e un livello di produzione ritornato agli anni '50. Ma "non l'impianto o i dipendenti sono inefficienti, no, certo che no! Ci mancano semplicemente le parti con cui possiamo costruire le nostre auto", ha continuato Daniela Cavallo.

"Quello che vediamo nei semiconduttori è un segno di povertà, è un segno di povertà per una società globale come Volkswagen! Ed è responsabilità tua " ha continuato il capo del comitato di fabbrica.

Daniela Cavallo è in carica da maggio 2021, e ha ulteriormente criticato i post sui social media di Diess e i suoi rapporti con "il nostro più grande concorrente. Il fascino che ovviamente provi nei confronti di Musk e l'entusiasmo che metti nel mantenere i contatti con lui, vorremmo vederli per i nostri dipendenti ed il nostro lavoro e per tutte le attuali grandi sfide che dobbiamo affrontare nel Gruppo".

1/16

I lavoratori VW sono "chiaramente consapevoli che molto cambierà nel corso dell'elettromobilità e della digitalizzazione" ma invece di cercare un dialogo costruttivo, Diess avrebbe sconvolto la forza lavoro con le speculazioni sui tagli di posti di lavoro. "Hanno paura – continua Daniela Cavallo " paura per il loro lavoro e per le loro famiglie. E continui a cospargere di sale la ferita, senza bisogno".

Herbert Diess, che ha sempre spinto per accelerare i piani e i tempi per una trasformazione fondamentale del gigante industriale tedesco per prepararsi all'era delle auto elettriche in grado di guidare autonomamente, ha assunto un tono più conciliante nel suo discorso: "La signora Cavallo ed io siamo d'accordo: dobbiamo parlarci" E ancora: "Solo insieme Volkswagen può essere a prova di futuro. Rivolgendosi ai lavoratori, ha detto: "Mi è ovviamente chiaro che vogliono tornare allo stabilimento.

Il risentimento è del tutto appropriato: vogliono far avanzare Volkswagen invece di stare seduti a casa. Lo capisco.

E per quanto drammatica sia la situazione, vorrei anche sottolineare alcune cose positive: un nuovo accordo di lavoro aumenterà l'indennità per chi lavora a tempo ridotto a quasi il 100 percento. Questo non esiste in alcuna altra azienda al mondo di queste dimensioni."

"Il marchio Volkswagen ha perso il 27% della sua produzione pianificata finora quest'anno. In Cina, le nostre joint venture hanno perso quasi il 30%, Skoda è a meno 32%". La colpa è della crisi dei semiconduttori. "La carenza di chip ci accompagnerà anche l'anno prossimo." ha continuato Diess "l'offerta sarà migliore, ma non saremo in grado di costruire tutte le auto".

A lungo termine, Diess vuole affrancarsi dai fornitori nella progettazione di chip e semiconduttori con il progetto Trinity. Il progetto Trinity è quello che porterà alla nascita delle elettriche di prossima generazione, esattamente come il progetto NEO ha portato alla nascita delle elettriche attuali (o imminenti) basate sulla piattaforma dedicata MEB.

Le nuove auto elettriche targate Wolfsburg, così come quelle provenienti da Martorell (Seat) e Mlada Boleslav (Skoda) nasceranno sulla piattaforma SSC, acronimo che sta per Scalable Systems Platform. Si tratta di un’architettura che esordirà nel 2025 e che da lì a 10 anni (nel 2035 appunto) rappresenterà la base comune a tutti i modelli del gruppo esclusi Porsche, Bentley e alcuni Audi top di gamma, che seguiranno una strada diversa chiamata PPE.

Il CEO di VW ha risposto infine anche alle critiche riguardanti Tesla. "Mi viene spesso chiesto perché continuo a paragonarci a Tesla. So che infastidisce alcuni". Nel mondo dei motori a combustione, VW è al top, "possiamo realizzarli, forse, validi ed efficienti come nessun altro costruttore". Dopotutto, proprio Diess ha recentemente ordinato una VW Golf GTI, per lui la migliore auto del mondo.

Ma nel nuovo mondo automobilistico, c'è un forte vento contrario allo status quo " e sono necessari nuovi punti di forza e il software deciderà chi può assicurarsi le maggiori quote di mercato. E questo cambiamento è ancora più difficile del passaggio dai motori a combustione alle auto elettriche.

L'auto diventerà il prodotto tecnologicamente più complesso del mondo in futuro – e "se non la costruiremo noi, altri la costruiranno. Ecco perché è stata presa la decisione: dobbiamo tenere testa noi, con tutte le nostre forze". Ecco perché Cariad è stata fondata come società di software interna a VW.

Questo il testo completo di una lunga lettera indirizzata ai manager Volkswagen, dove il CEO analizza la questione punto su punto, e dove, sorprendentemente, sembra essere a conoscenza in modo dettagliato dei piani di Tesla per la fabbrica di Berlino, pronta ad entrare in funzione.

"Oggi, Tesla stabilisce gli standard. Costruiscono l'auto attorno al software. Gli aggiornamenti fanno già parte della vita quotidiana dei clienti Tesla. Ora noi arriviamo ogni 12 settimane con aggiornamenti automatici per la nostra famiglia ID: un grande passo per Volkswagen! Congratulazioni al team di Thomas Ulbrich e CARIAD per questo traguardo!

Tesla è stata a lungo apprezzata per il software, l'autonomia e l'accelerazione delle sue auto, ma ha avuto problemi con la qualità. La produzione è stata spesso ridicolizzata.

Ma il nostro principale concorrente sta imparando velocemente. La qualità sta migliorando, il feedback dei clienti è più positivo.

E nel Brandeburgo, Tesla vuole costruire mezzo milione di auto con 7.000 persone. E con una produttività impressionante: sono previste 90 unità all'ora in una linea, 10 ore per auto.

A Zwickau, noi siamo a più di 30 ore, vogliamo raggiungere le 20 ore l'anno prossimo; inizialmente siamo partiti con un obiettivo di progetto di 16 ore.

Non ho bisogno di citare qui cosa significa tutto questo sul mercato azionario. Tesla ha accesso illimitato a denaro e risorse grazie alla sua alta valutazione. Questi numeri sono ciò che mi spinge a segnalare questa nuova competizione e a non chiudere un occhio.

Anche se smettessi di parlare di Elon Musk, è qui per restare, rivoluzionando il nostro settore e diventando rapidamente sempre più competitivo.

La Tesla Model 3 è stata l'auto più venduta in Europa a settembre, davanti alla Golf. E questo nonostante il fatto che Tesla non costruisca ancora in Europa.

Finora Tesla importa solamente. Solo chi capisce e tiene d'occhio la concorrenza può vincere.

Tesla è il punto di riferimento oggi e altre forti startup sono entrate nel nostro mercato dalla Cina. Ralf Brandstätter e io abbiamo testato alcune auto dalla Cina nelle ultime settimane. Dobbiamo ammetterlo: sono davvero bravi".

"I posti di lavoro che esistono oggi saranno sicuramente meno nei prossimi 10-15 anni," ha infine ricordato Diess "soprattutto nell'amministrazione, ma anche nella produzione e nello sviluppo. Verranno aggiunti nuovi e diversi lavori. Ma non saranno Herbert Diess o Daniela Cavallo a deciderlo, ma i clienti acquistando un'auto da Wolfsburg..o da Brandeburgo!"

1/16

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA