Nuove GENESIS G70 e GV70, sfida in Europa

Non poche Case straniere si sono già arrese nel corso degli anni di fronte alla triade premium tedesca Audi-BMW-Mercedes-Benz. Solo nel 2020, il marchio nobile di Nissan, Infiniti, ha gettato la spugna dopo più di dieci anni, dicendo addio all'Europa. Hyundai fa esattamente l' opposto con il suo brand premium Genesis che, lanciato nel 2015 e dopo sei anni passati a crearsi la propria nicchia di mercato in USA, arriva ora sul Vecchio Continente. Da questa estate ha inziato a vedere in Germania, Regno Unito e Svizzera. Non è escluso ...

1/15

Alcuni costruttori stranieri si sono già arresi negli anni di fronte alla triade premium tedesca Audi-BMW-Mercedes-Benz. Solo nel 2020, il marchio nobile di Nissan, Infiniti, ha gettato la spugna dopo più di dieci anni, dicendo addio all'Europa.

Hyundai, coraggiosamente, fa esattamente l' opposto con il suo brand premium Genesis che, lanciato nel 2015 e dopo sei anni passati a crearsi la propria nicchia di mercato in USA, arriva ora sul Vecchio continente. Da questa estate ha iniziato a vedere in Germania, Regno Unito e Svizzera e non è escluso che si aggiungano presto altri mercati.

La nuova sfidante, dopo l' imponente berlina G80 e l'ammiraglia SUV GV80 si avventura ora nei segmenti più "bassi" con la G70 e la GV70 rivali di modelli come l Audi A4, BMW Serie 3 nonché Audi Q5, BMW X3 e Mercedes GLC. Dopo Zurigo, un nuovo showroom ha appena aperto a Monaco di Baviera. Oltre a un pacchetto di servizi quinquennale che include tutte le ispezioni e la manutenzione, i coreani offrono anche un "Genesis Personal Assistant" (GPA), che è sempre disponibile durante il medesimo periodo.


Il design convince per l'eleganza sportiva. Il lungo cofano con le sottili luci a LED, le pieghe scultoree della lamiera lungo i fianchi e la linea del tetto molto rastremata conferiscono ad entrambi i modelli un aspetto dinamico, come richiesto dagli ultimi trend, quasi da coupé.

Ci sono chiare differenze all'interno. Mentre la G70 è ancora basato su una piattaforma nota che viene utilizzata anche dalla Kia Stinger, la GV70 utilizza un' architettura completamente nuova e indipendente. La berlina misura 4,69 metri in lunghezza, 1,85 metri in larghezza ma è bassa appena 1,40 metri ed è notevolmente più stretta della GV70.

La scelta dei materiali è notevole, e la lavorazione è al top; una questione di gusti restano le abbondanti cromature e gli inserti in alluminio. Il guidatore siede di fronte ad un display da 8 pollici. Optional si può optare per un quadro strumenti da 12,3 pollici con innovativa ottica 3D, in cui le telecamere integrate tracciano i movimenti oculari ed evidenziano determinate informazioni direttamente ed esattamente nel campo visivo.

E' optional ed inserito nel pacchetto Tech che include anche fari Matrix Led, head-up display e caricabatterie wireless per lo smartphone. Sopra la consolle centrale spicca uno schermo HD da 10,25 pollici, che può essere utilizzato per visualizzare tutte le funzioni del sistema di infotainment.

Sulla GV70 lunga 4,72 metri, tutto sembra tutto ancora un po' più lussureggiante. Anche qui troviamo superfici morbide, una lavorazione accurata e alcuni dettagli decisamente di buon gusto. Vanta anche uno schermo centrale HD più ampio da 14,5 pollici; anche sul SUV, la strumentazione con display da 8 pollici è di serie, optional, vi è quello da 12,3 pollici con funzione 3D.

1/15

Contrariamente alle ultime tendenze, vedi ibridi e plug in, qui i motori sono solo convenzionali; la G70 è equipaggiata con un turbo benzina da 2 litri e 197 o 245 CV o un diesel con 200 CV. L' unità a benzina più potente permette alla berlina di scattare da 0-100 km/h in appena 6,1 secondi.

A completare il quadro uno sterzo estremamente diretto messo a punto sulla Nürburgring-Nordschleife, che trasmette un buon feedback, in combinazione con gli ammortizzatori a controllo elettronico (di serie nei livelli di allestimento Luxury e Sport). Il tutto si traduce in un pacchetto dinamico decisamente ben riuscito, che può essere variato in base alle esigenza grazie alle quattro modalità di guida Eco, Comfort, Sport e Sport +.

La GV70 può essere equipaggiata con un motore benzina turbocompresso da 2,5 litri e 304 CV (224 kW) o un turbodiesel da 2,2 litri e 210 CV (154 kW). E nonostante la struttura e il peso più elevati, il SUV è altrettanto veloce, almeno il motore a benzina, che raggiunge i 100 km/h esattamente nello stesso tempo della berlina.

Anche in questo caso, gli ammortizzatori a controllo elettronico e lo sterzo diretto offrono sempre un buon controllo, con una maneggevolezza notevole e un comfort di guida riuscito nei settaggi più morbidi.


La potenza è trasmessa sempre tramite un cambio automatico a 8 marce ed il nuovo SUV offre la trazione integrale a controllo elettronico. Optional, la GV70 è disponibile anche con un differenziale elettronico a slittamento limitato (eLSD), che distribuisce la potenza tra le ruote posteriori destra e sinistra, se necessario, garantendo anche una migliore motricità su fondi a scarsa aderenza, vedi fango, sabbia o neve. Nella berlina, la trazione integrale è di serie sulla versione da 245 cv, optional sul turbodiesel.

Infine i prezzi; la G70 parte in Germania da 39.100 euro, per la versione top a benzina e a trazione integrale occorrono almeno 48.490 euro. Con il diesel, la berlina parte da 41.500 euro.

Per quanto concerne la GV70 si parte, con il motore td , da 45.920 euro, il motore a benzina è disponibile a partire da 49.900 euro. I modelli Genesis sono progettati a Rüsselsheim in Germania, a Namyang in Corea del Sud e Irvine negli Stati Uniti. Vengono prodotti a Ulsan in Corea del Sud.

1/7

Photo credits: Auto-Medienportal.Net

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA