a cura di Redazione Automobilismo - 01 November 2018

Ford: possibile blocco al motore per 1,46 milioni di Focus

Un problema al sistema di alimentazione sarebbe alla base dell’enorme campagna di richiamo di Ford Focus in Nord America.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/5

    Su richiesta della Nhtsa (National highway traffic safety administration), l'agenzia federale statunitense di vigilanza del settore dei trasporti stradali, la Casa dell’Ovale Blu avrebbe avviato in Nord America una consistente campagna di richiamo per le Ford Focus prodotte dal 2012 al 2018. Secondo le notizie che ci sono giunte in redazione la causa sarebbe un difetto al sistema di alimentazione che potrebbe causare il blocco del motore senza alcun preavviso per gli automobilisti. La Casa americana ha naturalmente avviato immediatamente la campagna di richiamo pur senza aver ricevuto almeno per ora nessuna segnalazione di incidente o lesioni e nemmeno reclami causati dal problema. Le vetture coinvolte sarebbero ben 1,46 milioni (1,3 milioni negli Stati Uniti, 136 mila in Canada e 45 mila in Messico) e riguarderebbero tutte le Ford Focus prodotte tra il 2012 e il 2018 con motori 2.0 litri GDI e GTDI sia a quattro sia a sei cilindri.

    Stop all’iniezione di carburante

    La causa, come dicevamo, dovrebbe essere il sistema di alimentazione e nello specifico la possibilità che una valvola del filtro di depurazione rimanga aperta causando una situazione di vuoto eccessivo. Il problema, non venendo rilevato da nessuna centralina o sensore, porterebbe alla deformazione del serbatoio e alla mancata immissione del carburante nel motore, portando al blocco improvviso dello stesso e al conseguente mancato riavvio. Non essendo rilevato da nessuna centralina o sensore, il problema naturalmente non viene segnalato al conducente da nessuna spia sul quadro strumenti, lasciando lo stesso conducente impreparato di fronte al problema. Le officine, alle quali è stata affidata la campagna di richiamo, dovranno riprogrammare le centraline di controllo e, se necessario, sostituire la valvola difettosa, il serbatoio del carburante e i filtri a carbone attivo. La Ford ha consigliato a tutti i proprietari in attesa del richiamo di tenere i serbatoi pieni almeno per la metà fino a quando non saranno chiamati per le riparazioni in officina, campagna che dovrebbe partire ufficialmente il 10 dicembre.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime