FCA: chiesti 6,5 miliardi di aiuti statali

Per uscire dalla crisi innescata dal Coronavirus Fiat Chrysler Automobiles sarebbe intenzionata ad ottenere garanzie da parte dello Stato.

1/3

Stando alle ultime indiscrezioni trapelate in rete FCA (Fiat Chrysler Automobiles) del Gruppo Exor con sede legale ad Amsterdam e domicilio fiscale a Londra sarebbe intenzionata a chiedere al Governo garanzie su prestiti per circa 6,5 miliardi di euro per far fronte e superare la crisi scatenata dal Covid-19. Aiuti statali insomma che arriverebbero attraverso un plafond gestito da SACE, la società per azioni del gruppo italiano Cassa Depositi e Prestiti. Al momento però FCA non avrebbe rilasciato alcun commento ne di conferma ne tantomeno di smentita delle voci apparse in rete. Certo è che la non distribuzione dei dividendi previsti e il periodo di forte crisi dell’interno settore automotive e di tutta la sua filiera potrebbero non remare a favore di questa scelta, spingendo la filiale italiana di Fiat Chrysler a richiedere interventi statali proprio per superare la crisi. Voci confermate da Bloomberg che avrebbe riportato come FCA avrebbe fatto richiesta di aprire una linea di credito con garanzie statali con Banca Intesa.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News