a cura di Redazione Automobilismo - 23 July 2018

Esodo estivo: come prendersi cura degli pneumatici secondo Nokian Tyres

Il noto produttore finlandese di pneumatici ha rilasciato alcuni importanti consigli che posso ridurre l’insorgenza di danni o forature. Primo fra tutti la corretta pressione di gonfiaggio.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/7

    Una premessa è debita, gli pneumatici andrebbero curati e controllati 365 giorni all’anno. Sono, infatti, l’ultimo contatto tra voi, la vostra auto e il manto stradale e quindi anche l’ultimo baluardo che la vostra auto ha per rimanere in strada. Proprio per questo sempre più spesso vi abbiamo esortati a non elemosinare troppo sul prezzo di acquisto di un nuovo set di pneumatici e a sincerarvi che gli pneumatici che stavate per comprare fossero di buona qualità, omologati secondo le norme dell’Unione Europea e non fossero fondi di magazzino cioè troppo vecchi ormai per poter essere utilizzati. Allo stesso tempo vi abbiamo sempre più assillati sull’importanza dei millimetri di battistrada minimo, sulla necessità, una volta raggiunto il limite di legge (1,6 mm), di sostituire quel determinato pneumatico con uno nuovo e sul calo drastico di performance che uno pneumatico ha durante la sua usura, specie negli spazi di arresto su strada bagnata o nella riduzione degli effetti da acquaplaning.

    Oggi però quello che ci preme di più fare è informarvi su come prendersi cura dei propri pneumatici e darvi alcuni utili consigli per prevenire possibili forature o danneggiamenti al fianco dei vostri pneumatici. Dopo tutto le forature sono il più comune dei guasti allo pneumatico e sono fortemente causate da chiodi, viti e pietrisco. Il rischio non si applica solo a pneumatici usurati ma anche agli pneumatici nuovi, specie se questi vengono in contatto con oggetti affilati che si conficcano all'interno della scanalatura fino a forarla. Per fare questo ci affidiamo alle dritte girateci dagli amici di Nokian Tyres, il noto produttore di pneumatici finlandese, che in occasione dei weekend da bollino nero per l’esodo estivo ha ben pensato di darvi qualche suggerimento per evitare spiacevoli sorprese. Per prima cosa, sebbene il rischio di forare uno pneumatico esista tutto l’anno e non solo nella stagione estiva, questa eventualità capita purtroppo molto più spesso proprio in questa stagione. Le motivazioni sono semplici: ognuno di noi è portato a guidare di più e per più chilometri consecutivamente per spostarsi verso le mete lontane delle vacanze, le vetture sono normalmente sovraccariche di valigie e passeggeri e vi è una maggiore frequenza di lavori stradali in corso lungo la strada. Ma ci sono altre motivazioni altrettanto importanti.

    Esodo estivo: come prendersi cura degli pneumatici secondo Nokian Tyres

    Corretta pressione di gonfiaggio

    In primis non va mai dimenticata una corretta pressione di gonfiaggio. Questa, infatti, non solo influenza le prestazioni, la sicurezza e il consumo della vostra auto ma una pressione errata, in questo caso bassa, accentua notevolmente la possibilità di danni ai fianchi quando lo pneumatico subisce un impatto. Non solo, sempre la pressione bassa aumenta anche il rischio di danni laterali con possibili rotture del fianco. Se la pressione è troppo bassa, infatti, lo pneumatico si flette maggiormente e il fianco sarà più suscettibile a possibili danneggiamenti nel momento in cui dovesse incontrare qualche ostacolo. Se ciò dovesse accadere, essendo un danno al fianco e non al battistrada, lo pneumatico non può più essere salvato: riparare pneumatici per auto con danni laterali non è né sicuro né raccomandato. Inoltre, se la vettura viene caricata più del solito, eventualità frequente nel periodo estivo, la pressione di gonfiaggio degli pneumatici va aumentata. Per prima cosa per ridurre il consumo della vostra auto, secondariamente per ripristinare le giuste condizioni di viaggio e in terzo luogo ridurre la possibilità di foratura o danneggiamento dei fianchi. Infine, viaggiare con pneumatici con pressione di gonfiaggio bassa comporta una maggiore usura dello pneumatico stesso: basta, infatti, che la pressione sia del 20% più bassa per far crollare la vita dello pneumatico di ben il 50%.

    La corretta pressione degli pneumatici è un fattore talmente importante che quasi tutti i modelli più recenti di auto hanno il TPMS (Tyre Pressure Monitoring System, il sistema di controllo di pressione degli pneumatici), che controlla la pressione delle gomme e dà un allarme quando scende sotto il valore normale. Se la vostra vettura non dovesse avere per qualsiasi motivo questo sistema, gli amici di Nokian Tyres vi consigliano di controllare la pressione delle gomme una volta ogni tre settimane e comunque di non affrontare un lungo viaggio senza aver fatto un check-up completo alla vostra vettura, che comprenda anche un controllo approfondito del comparto pneumatici. Chiudiamo ricordandovi che, se durante il viaggio la vostra dovesse diventare instabile, dovrete fermarvi in un luogo sicuro il più presto possibile. A quel punto, capito il danno, dovrete essere in grado di utilizzare il proprio kit di riparazione degli pneumatici o comunque essere sicuri che la vostra ruota di scorta sia in ordine e che voi siate capaci di sostituirla. In situazioni difficili, è importante anzitutto garantire la sicurezza del traffico e poi contattare l’assistenza stradale e tenere vestiti caldi in auto nel caso in cui la foratura si verifichi in condizioni di freddo.

    Tecnologia Aramid Sidewall

    Un cenno doveroso va, infine, fatto all’utilissima tecnologia adottata da Nokian Tyres sui propri pneumatici. Per offrire, infatti a tutti i suoi clienti una guida senza pensieri, Nokian Tyres adotta la tecnologia Aramid Sidewall sul fianco della maggior parte dei propri pneumatici. Si tratta nello specifico di un fianco rinforzato con fibra aramidica che permette di ridurre i rischi di pneumatici danneggiati da urti laterali. Una sorta di “coperta” molto resistente quindi, o una specie di giubbotto antiproiettile, che non solo protegge il fianco dello pneumatico ma che, abbinata ai fianchi appositamente rinforzati, rende la struttura ancor più robusta e resistente così da garantire la massima stabilità e durata chilometrica. Questo particolare materiale viene utilizzato frequentemente dalle industrie aeronautiche e della difesa e le gomme Nokian dotate della tecnologia si riconoscono dal logo Aramid sul fianco. Inoltre, la Garanzia Aramid di Nokian Tyres copre tutti i danni accidentali occorsi ai fianchi degli pneumatici danneggiati e fornisce un prodotto nuovo e corrispondente a quello danneggiato in cambio.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime