Emissioni: Costruttori invitati a dire la verità

Lo stato della California ha invitato le Case automobilistiche a rivelare l'eventuale installazione di software contraffatti o defeat device per la manipolazione dei sistemi di controllo delle emissioni dei veicoli.

1/3

In California il Carb (California Air Resources Board) ha avviato una serie di indagini a tappeto per smascherare possibili irregolarità in merito alle emissioni dichiarate dalle Case automobilistiche e ai sistemi di post trattamento adottati dai loro modelli di vetture. Prima però di portare a termine le indagini e di elevare pesantissime sanzioni tanto pecuniarie quanto legali la stessa Carb ha inviato una lettera a tutti i costruttori per chiedere loro di fdare “mea culpa” e di rivelare tutti gli eventuali software illegale o dispositivi illeciti installati a bordo delle proprie vetture.

La “divulgazione volontaria” dell’installazione di possibili software contraffatti o defeat device permetterebbe alle Case auto di ottenere una riduzione delle eventuali sanzioni che la stessa Carb è pronta a elevare e che ha solo per il momento sospeso in attesa di una risposta da parte dei costruttori. Tali dichiarazioni di colpevolezza dovranno sopraggiungere pero agli uffici del California Air Resources Board (Carb) entro fine anno.

Nella stessa missiva, inviata dalla Carb, si sottolinea la possibilità di pesanti sanzioni e si preannuncia una reazione molto forte nel caso in cui i costruttori dovessero negare il loro aiuto o dovessero occultare ulteriormente i software illegali. Infine nella lettera, inviata anche ai produttori di mezzi commerciali leggeri e pesanti, motociclette e scooter, veicoli ricreativi, moto d'acqua e motori fuoribordo, si indica pure l'ormai imminente inaugurazione, prevista durante l'anno prossimo, di un nuovo laboratorio che, tramite l'utilizzo di tecnologie all'avanguardia, potrebbe rivelare qualsiasi altra tipologia di violazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News