a cura di Redazione Automobilismo - 12 maggio 2019

Emissioni: ad aprile crescono le elettriche ma anche la CO2

Il maggior numero di elettriche ed ibride non è sufficiente per compensare la minore vendita di auto diesel, notoriamente più ecologiche ed efficienti dal punto di vista dei consumi e della emissione di anidride carbonica.
1/5
Secondo i dati divulgati dall'Unrae e dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti le vendite di vetture elettriche hanno fatto segnare l'ennesimo segno positivo. Merito, infatti, dell'entrata in vigore del tanto atteso Ecobons, ad aprile 2019 le vendite di vetture a zero emissioni in Italia hanno fatto registrare un +355,9% sullo stesso mese dell'anno precedente con ben 1.290 nuove immatricolazioni in un solo mese. Un dato davvero niente male che segue quello del totale delle vendite nel primo quadrimestre che ha fatto registrare in Italia ben 2.350 unità, un valore anche in questo caso doppio rispetto allo stesso periodo del 2018.
A questo boom di elettriche pure è seguito anche quello delle ibride plug-in e range extender che hanno fatto registrare anche loro un segno più in tutto il primo quadrimestre del 2019. Stando, infatti, ai dati di Unrae le ibride plug-in hanno fatto registrare nel mese 471 unità con un incremento di oltre il 150%, totalizzando nel primo quadrimestre ben 1.500 unità ovvero un +39%. Risultato positivo che fortifica ancora di più quello raggiunto dal totale delle ibride che hanno fatto segnare ben 37.800 nuove immatricolazioni nel quadrimestre con un +31,7% rispetto all'anno precedente.
Questo forte aumento nelle vendite di auto a batterie non è però purtroppo stato corrisposto da una eguale riduzione della anidride carbonica (CO2) anzi, sempre stando ai dati Unrae, la media ponderata di CO2 nel mese di aprile è persino aumentata, passando dai 112,8 g/km registrata nell’aprile 2018 a 118,9 g/km. Anche la media nei primi quattro mesi è salita passando dai 112,9 dello scorso anno ai 120,2 g/km del 2019. Ma a cosa si deve questa inversione di tendenza? Semplice, la sempre minore vendita di vetture a gasolio, specie di quelle di ultima generazione, notoriamente più ecologiche ed efficienti dal punto di vista dei consumi e della emissione di anidride carbonica. Minori vendite che sono state soppiantate da maggiori immatricolazioni (+30%) di vetture benzina e maggiori emissioni che non sono state purtroppo pareggiate dalla vendita di maggiori auto a basse o zero emissioni.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News