Ecco come funzionano gli innovativi motori elettrici della Porsche Taycan

C'è molta tecnologia sotto le linee eleganti della Taycan, a partire dai suoi particolari e innovativi motori elettrici.

1/11

Il motore a combustione interna è una razza in via di estinzione e i veicoli elettrici stanno prendendo il sopravvento. Puoi sospirare rumorosamente, lamentartene con i tuoi amici o andare dal tuo rivenditore Dodge più vicino e comprare qualcosa di indisciplinato con un V8 sovralimentato in segno di protesta, ma non cambia questa realtà. Porsche, il produttore di alcuni dei migliori motori flat-six (sei cilindri boxer) di sempre, è, infatti, una delle tante aziende ad abbracciare l'elettrificazione con modelli come la Taycan.

A causa della relativa novità dei motori elettrici nelle automobili, il marchio tedesco ha approfondito alcuni dettagli di come funzionano effettivamente i suoi motori innovativi. Porsche ha una storia sorprendentemente lunga nel campo dell’elettrificazione. Oltre un secolo fa, Ferdinand Porsche creò un veicolo di questo tipo, essenzialmente inventando quella che sarebbe stata la prima auto ibrida in assoluto.

Le cose sono cambiate da allora, ovviamente. Tuttavia, i motori elettrici moderni sono ancora basati sul concetto di magnetismo, con polo nord e polo sud; mentre i poli uguali respingono, quelli opposti si attraggono. In un design a magnete permanente, ci sono due componenti; una parte rotante nota come rotore e un componente stazionario chiamato statore. Quando la tensione elettrica passa attraverso un processo ripetitivo di accensione e spegnimento, vengono generate forze opposte e il rotore gira.

Molti veicoli elettrici come l'Audi e-tron utilizzano una macchina asincrona (ASM) più economica o un motore elettrico asincrono, ma Porsche utilizza una macchina sincrona (PSM) a eccitazione permanente che si dice sia meno incline al surriscaldamento. Descrivendo l'alimentazione e il controllo della tensione CA trifase per il PSM, Porsche afferma: "La velocità del motore è determinata dalla frequenza alla quale la tensione alternata intorno al punto zero e oscilla da più a meno. Nei motori della Taycan, l'impulso dell'inverter imposta la frequenza del campo rotante nello statore, regolando così la velocità del rotore. "

Un'altra caratteristica importante del motore elettrico della Taycan è l'avvolgimento a forcina, che ha poco a che fare con le forcine reali. "Qui, le bobine dello statore sono costituite da fili che non sono rotondi ma rettangolari", afferma Porsche. Essenzialmente, una forma a U molto simile a una forcina si forma quando il filo di rame rettangolare viene piegato e diviso in numerose sezioni. Questo design offre numerosi vantaggi. I cavi possono essere disposti in modo più fitto, aumentando il fattore di riempimento in rame fino a quasi il 70 percento, maggiore del solito 50 percento di altri veicoli elettrici, migliorando potenza e coppia in spazi di installazione comparabili.

Altre novità Porsche includono un'architettura di propulsione a 800 volt, sviluppata inizialmente per l'auto da corsa Porsche 919 Hybrid. Oggi, questa configurazione riduce il peso e riduce i tempi di ricarica grazie a cavi più sottili. Nel caso della Taycan, è anche la prima vettura sportiva elettrica a utilizzare una trasmissione sull'asse posteriore con due marce innestabili. Nella Taycan Turbo S, tutte queste innovazioni convergono per creare una delle vetture più veloci di Porsche; produce fino a 750 cavalli e raggiunge i 96 km/h in soli 2,6 secondi. Forse la cosa più sorprendente è che fa tutto questo quasi in silenzio.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News