a cura di Redazione Automobilismo - 15 maggio 2019

Dieselgate Volkswagen: aperto il processo anche in Italia

Grazie ad Altroconsumo si punta a un risarcimento da quasi 300 milioni di Euro che potrebbe comportare un rimborso del 15% del valore auto per i clienti possessori dei TDI incriminati.
1/5
Il tanto chiacchierato caso Dieselgate della Volkswagen nel nostro Paese si è concluso, come già ben saprete, senza multe alla Casa di Wofsburg. Altroconsumo, l'associazione dei consumatori, ha però aperto una class action con circa settantaseimila adesioni contro la stessa Volkswagen sia Casa madre sia filiale nazionale. Questo ricorso nazionale punta, infatti, a un risarcimento da quasi 300 milioni di Euro che potrebbe comportare un rimborso del 15% del prezzo di acquisto dell'auto per i clienti possessori dei TDI incriminati.
Ma udite udite, la class action di Altroconsumo è finalmente giunta in Tribunale e quindi per i tanti clienti "truffati" si potrebbe prospettare il tanto desiderato rimborso anche se con tempi molto molto lunghi. Anche se in Tribunale le cose vanno per le lunghe, per tutti coloro che hanno aderito all'azione, non resta che aspettare che l'iter giudiziario faccia il suo corso. Purtroppo non è possibile prevedere la durata di azioni legali di questo tipo. La Casa tedeasca, in attesa di notizie nuove, avrebbe già previsto per non sbagliare un miliardo di costi straordinari a tampone delle azioni legali.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News