a cura di Redazione Automobilismo - 23 maggio 2018

Diesel: al via i divieti nelle città tedesche

Proprio la patria del motore a gasolio sarà la prima a vietarne la circolazione all’interno dei propri centri abitati.

La Corte Suprema Federale di Lipsia ha decretato il via libera alle città tedesche di poter applicare con effetto immediato lo stop alla circolazione dei veicoli motorizzati con propulsori a gasolio. Una decisione drastica e definitiva, anche se lascia ampio margine di decisione alle stesse città, intrapresa a causa della denuncia, presentata dalla Commissione Europea, per i continui sforamenti nei limiti imposti dall’Unione Europea sulle emissioni dei famigerati ossidi d’azoto (NOx) all’interno delle città della Germania.

Non senza conseguenze

La sentenza potrà essere applicata in qualsiasi momento ma dovrà attuare un’introduzione graduale, partendo giustamente dai modelli meno recenti. Tale legge però non andrà a modificare, sovrastare o annullare i divieti già esistenti o precedentemente fissati. Una bella mazzata, insomma, e agli automobilisti come ai costruttori stessi, non resta che prenderne atto. Proprio la patria del motore diesel ha deciso di fare sul serio e la decisione non potrà che sortire effetti pesanti. Basti pensare, infatti, che anche nella tanto avanzata Germania solo 2,7 milioni di auto diesel, su un parco di 15 milioni di veicoli, già rispecchiano la tecnologia Euro 6.

La via è segnata

Il tutto parte da Amburgo con un blocco che almeno inizialmente interesserà solamente le motorizzazioni più vecchie, omologate Euro 4. Entrò il 2019 il divieto verrà però esteso anche ai veicoli Euro 5 e si pensa già a una tempistica ideale per estendere il divieto in maniera graduale anche ai diesel Euro 6. La limitazione quindi impedirà a buona parte dei diesel presenti in Germania di poter circolare all’interno dei nuclei cittadini. Città come Stoccarda, Amburgo, Lipsia e Monaco di Baviera affiancheranno gli ideali di Atene, Madrid, Parigi e Città del Messico, andando a bloccare le vetture a gasolio all’interno delle proprie strade, partendo da quelle non conformi alle più recenti norme sulle emissioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultima anteprime