Decreto rilancio: Ecobonus anche nel 2021 con altri 200 milioni per le elettriche

L’esecutivo ha stanziato altri 200 milioni di euro per le auto a basse emissioni da utilizzare nel 2021. Il tetto per ricevere l'Ecobonus resta però quello dei 60 g/km.

1/5

Con il Decreto Rilancio l’esecutivo giallo-rosso ha deciso di rinnovare l’Ecobonus anche per l’anno2021, stanziando altri 200 milioni di euro per le vetture a basse emissioni. Quindi ai 100 milioni di euro in più (rispetto agli iniziali 70 milioni) per l'Ecobonus 2020 si aggiungono ora altri 200 milioni ma da utilizzare esclusivamente nel 2021, quando forse per molti concessionari potrebbe essere già troppo tardi. Questo fondo per l’acquisto, anche senza rottamazione, di auto a bassissime (0-20 g/km di CO2) e basse (21-60 g/km) emissioni, è stato ulteriormente rifinanziato ma potrebbe non essere sufficiente specie per risollevare un settore che esce dai due mesi più drammatici dal dopoguerra a oggi. Insomma, sembra l’ennesimo contentino del governo per evitare di affrontare radicalmente e con un visione strategica di ampio respiro la drammatica situazione in cui si sta dibattendo il mercato.

Nulla, invece, è stato fatto sulle fasce di questo Ecobonus. Un po’ tutte le associazioni di categoria avevano, infatti, richiesto che queste fasce fossero allargate o incrementate per dare maggiore possibilità agli automobilisti di acquistare una nuova e più ecologica vettura. Niente da fare quindi per la fascia tra 61 g/km e 95 g/km. Il tetto per ricevere l'Ecobonus resta quindi quello dei 60 g/km. Tutto questo naturalmente a patto che i numerosi emendamenti in Parlamento non ne modifichino ulteriormente le carte in tavole e non portino a ulteriori lungaggini burocratiche. È noto, infatti, che sono già pronti alcuni emendamenti volti ad allargare la platea dei beneficiari attraverso l’introduzione di una terza fascia di emissioni (61-95 g/km di CO2) con contestuale, ulteriore, aumento della dotazione finanziaria.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News