a cura di Redazione Automobilismo - 24 July 2018

Dazi auto: l’Unione Europea mette in guardia Trump

L’Europa è pronta a dare battaglia al Tycoon introducendo una lunga lista di dazi doganali in risposta a quelli annunciati da The Donald in primis sulle auto europee.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/3

    Cecilia Malmstroem, Commissaria al Commercio dell’Unione Europea, è stata più che chiara: “Se gli Stati Uniti imporranno questi dazi sulle auto, sarebbe molto spiacevole. Stiamo preparando con i nostri Stati membri una lista di misure di riequilibrio anche su questo. E lo abbiamo detto chiaramente ai nostri partner americani. È stato fatto allo stesso modo che con alluminio e acciaio”.

    L’Europa starebbe quindi lavorando a una contro mossa rispetto ai dazi doganali annunciati da Donald Trump, le misure economiche che mirerebbero a colpire, con una tassazione del 25%, tutte le auto di produzione europea e i pezzi di ricambio in arrivo dall’Europa una volta che questi si troverebbero ad entrare negli Usa. L’ennesima promessa fatta dal Tycoon agli americani in campagna elettorale che segue quella fatta sui dazi per le importazioni di acciaio e alluminio. Una politica quella di The Donald molto protezionistica e anti globalizzazione al grido di: “America first”.

    Dazi auto: l’Unione Europea mette in guardia Trump

    Questi dazi sulle auto e sui pezzi di ricambio europei provocherebbero senza dubbio un’impennata dei prezzi delle vetture europee, importate in America, e un conseguente crollo nelle vendite di auto nuove, a una riduzione nell’approvvigionamento di ricambi e a un conseguente calo dell'occupazione, sia per le famiglie americane sia per quelle degli altri Paesi importatori. Tutti noi sappiamo che ogni costruttore ha giustamente delocalizzato la propria produzione in Paesi esteri e fa affidamento su aziende, fornitrici di componentistica, sparse un po' in tutto il mondo. Insomma, una politica che seppur miri a colpire nella fattispecie l’industria automobilistica europea e quella tedesca in primis, non potrà non avere ripercussioni anche molto pesanti in tutto il globo terrestre.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime