Coronavirus, revisione auto: a quando i primi controlli?

Il Ministero dei Trasporti ha precisato fino a quando sarà possibile circolare senza aver fatto la revisione e le nuove date entro cui sottoporre la propria vettura al controllo obbligatorio in officina.

1/4

Meglio non sgarrare

Terminato il periodo di lockdown e delle misure di contenimento della pandemia è ora di fare i conti con tutte quelle scadenze amministrative e burocratiche che nel periodo più buio di quest’anno erano state prorogate per consentire ai cittadini, automobilisti e contribuenti di non incorrere in pensanti sanzioni in un periodo già di forte crisi economico sanitaria. Una di queste scadenze è la revisione auto, il classico controllo del veicolo che avviene dopo i primi quattro anni di età e dopo ogni due anni di vita del mezzo e che attesta che il veicolo in esame sia in condizioni opportune per poter circolare in totale sicurezza e nel pieno rispetto dell’ambiente. Non essere in regola con questa ricorrenza amministrativa comporta una multa che può variare dai 168 ai 674 euro, oltre al sequestro del libretto di circolazione.

Attenzione alle date

Ma torniamo alla notizia cardine. Il Ministero dei Trasporti ha finalmente fatto chiarezza su quelle che sono le nuove date entro cui sottoporre la propria vettura al controllo obbligatorio in officina. Per quanto riguarda la revisione periodica, invece, le auto, il trasporto merci e i rimorchi con massa superiore a 3,5 tonnellate, se la revisione è scaduta prima del mese di febbraio 2020, possono circolare solo sul territorio nazionale fino al 31 ottobre; se la revisione è scaduta nel mese di febbraio, possono circolare sul territorio nazionale fino al 31 ottobre e negli altri Paesi Ue fino al 30 settembre; se la revisione scade nel periodo 31 marzo-31 agosto, possono circolare in Italia e Ue per i sette mesi successivi alla scadenza; se la revisione scade entro il 30 settembre potranno circolare fino al 31 dicembre e se la revisione scade entro il 31 dicembre potranno circolare fino al 28 febbraio 2021. Mentre le moto e i rimorchi con massa inferiore a 3,5 tonnellate con revisione scaduta o in scadenza entro il 31 luglio potranno circolare senza aver effettuato la revisione sul territorio nazionale fino al 31 ottobre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News