a cura di Redazione Automobilismo - 18 gennaio 2020

Continental: al CES 2020 una carrellata di novità

All’edizione 2020 della fiera di Las Vegas il Colosso tedesco ha presentato numerose novità interessanti legate al settore dell’automotive, primizie riguardanti tanto la sicurezza e la connettività della vettura quanto la tecnologia e la multimedialità di bordo.

1/16

Continental, brand che da oltre 140 anni fa della sicurezza su strada e dell’innovazione tecnologica la propria missione, ha presentato al CES 2020 numerose tecnologie smart per la mobilità del futuro, capaci di rendere i veicoli e le strade più sicuri. La prima a essere stata presentata è stato il “Transparent Hood” o meglio il “cofano trasparente”, una tecnologia che permette al conducente di vedere da dentro all’abitacolo cosa vi sia sotto il cofano dell’auto. Grazie, infatti, al sistema Continental's Surround View, che consiste in quattro telecamere satellitari e in una elettronica con un avanzato algoritmo di calcolo, il conducente sarà in grado di vedere sullo schermo dell’auto tutto il terreno sottostante la vettura così da avvistare in anticipo possibili ostacoli sotto il cofano dell’auto che altrimenti non sarebbero visibili. Un sistema talmente utile e avanzato da ricevere sempre al CES 2020 il riconoscimento Innovation Award nella categoria "Vehicle Intelligent".

Rimanendo in tema di display e telecamere, la seconda novità ha interessato i sistemi multimediali di bordo con la presentazione del Natural 3D Display, uno speciale schermo 3D di tipo passivo capace di proiettare una immagine tridimensionale che non necessita degli occhialini per essere vista. Una soluzione, già vista in precedenza, che però garantisce ora diversi livelli di profondità, un risoluzione fino al 4k e persino un feedback aptico. Sempre per l’abitacolo è stato progettato un innovativo sistema audio che non necessita l’utilizzo di speaker. Grazie, infatti, alla partnership tra Continental e Sennheiser è stato possibile la fusione tra due importanti tecnologie, come l'Ac2ated Sound di Continental e l'Ambeo Mobility della Sennheiser, così da dare vita a un impianto multimediale che si affida a superfici interne capaci di diffondere le frequenze senza dover installare dei diffusori tradizionali. Un po’ come avviene con gli strumenti musicali in legno, degli attuatori fanno vibrare i rivestimenti trasformando ogni superficie in uno speaker. Una soluzione che non solo permetterà di risparmiare peso ma garantirà ai designer una maggiore libertà di progettazione così da dare sfogo in abitacolo a tutta la loro fantasia ed inventiva.

1/16

Passando agli esterni e spostandoci sulla tematica della sicurezza, una novità sicuramente interessante è il Contact Sensor System (CoSSy). Si tratta, nello specifico, di un sistema di sensori di contatto che permette il rilevamento di impatti di bassa entità e a velocità ridotta tra un veicolo e una persona o un oggetto. Il sistema, infatti, registra i segnali sonori rilevati attorno al veicolo e li elabora così da migliorare l’esperienza fino ad oggi offerta dai comuni sensori di parcheggio. Forti di questa loro avanzata sensibilità, tali sensori potrebbero essere utilizzati in futuro per rendere più precisi i sistemi di parcheggio automatico e per il rilevamento di atti vandalici o di collisioni a bassa velocità. Sempre sul fronte della sicurezza è stata presentata la tecnologia a banda ultra larga (UWB). Sviluppata in partnership con BMW e Apple, questa feature si avvale di una connessione sicura che permette un superiore e più approfondito controllo quando si utilizzano i sistemi di accesso e di avvio senza chiave. Funzionante su qualsiasi tipo di telefono e con qualsiasi sistema operativo, tale tecnologia, scongiurando il pericolo di intercettazione del segnale radio della chiave, permette una gestione in totale sicurezza delle funzioni come il parcheggio da remoto e l'accesso al veicolo da parte degli utenti, scongiurando al contempo il pericolo di furti dei veicoli per clonazione della chiave digitale della vettura.

Chiudono il cerchio altri due sistemi che sono stati presentati sempre da Continental al CES 2020. Il primo, denominato Continental Cooperation Portal, permette una standardizzazione delle procedure di aggiornamento dei software di bordo dei veicoli. In questo modo gli sviluppatori potranno in ogni momento controllare e annullare il rischio di errori all’interno del software mentre le stesse Case potranno proteggere in modo più efficace i veicoli da possibili attacchi di hacker. Il secondo, denominato "Earn as you ride", non è altro che un’avanzata piattaforma di scambio dati basata su blockchain, che le case automobilistiche e le aziende di altri settori potranno utilizzare per condividere le informazioni in modo semplice, sicuro ed efficiente. Sviluppata da Continental, Hewlett Packard Enterprise (HPE) e il fornitore di tecnologia Crossbar.io, tale tecnologia consente di aumentare il volume di dati nei sistemi backend delle case automobilistiche, incrementando il commercio di dati e la swarm intelligence. Dati che ricordiamo vengono raccolti in tempo reale durante la marcia dai numerosi sensori installati a bordo vettura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News