a cura di Redazione Automobilismo - 03 febbraio 2019

Con Huawei se sei ubriaco l'auto farà la spia

Un innovativo sistema sarà in grado di capire se il conducente è sotto l'effetto di alcol o di sostanze stupefacenti e, in caso affermativo, di rivolgersi alle Forze dell'Ordine.
1/5

Se vi capita ogni tanto di guidare in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti, magari tentando la sorte di non essere pizzicati dai controlli delle Forze dell'Ordine, sappiate che prima o poi questa pratica presto potrebbe diventare ancora più pericolosa di quella che già non è. Ricordiamo a tutti che nessuno e in nessuna occasione dovrebbe mettersi alla guida dopo aver bevuto o dopo essersi drogato, ne va della vostra sicurezza e di quella degli altri, ma in futuro, se ciò dovesse accadere, potreste vedervi traditi proprio da uno dei tanti dispositivi installati a bordo della vostra vettura.

Fratello maggiore

La Huawei avrebbe brevettato un innovativo sistema di bordo in grado di monitorare le condizioni psicofisiche del conducente così da capire se questo è sotto l'effetto di alcol e/o di sostanze stupefacenti. Il moderno sistema, per funzionare, si avvale di numerosi sensori e telecamere e di un avanzato programma che tengono sotto controllo lo stato del conducente e, in caso di comportamenti anomali, è in grado in primis di allertare il conducente a tenere una condotta più prudente e attenta ma anche in casi estremi di allertare una vera e propria pattuglia della polizia stradale.

Amico o nemico?

Il sistema sarà persino in grado di rilevare l'insorgere di possibili colpi di sonno o l'instaurarsi di una guida disattenta a causa dell'utilizzo di uno smartphone o di altri dispositivi elettronici. Un angelo custode che però potrebbe essere visto da molti come una vera e propria spia, una sorta di nemico insomma, che in casi estremi potrebbe persino consegnarci nelle mani delle Forze dell'Ordine.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News