a cura di Redazione Automobilismo - 11 July 2018

Colpo di sonno: quali sono le cause?

Secondo una ricerca della Melbourne University tra le cause del colpo di sonno andrebbero annoverate anche le vibrazioni di sedile e volante. Un po' come avviene sul treno in corsa.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/2

    Lo chiamano “Effetto culla” e non sarebbe nient’altro che quel dolce dondolare che avvertiamo per esempio quando il treno avanza o quando la corriera viaggia a passo costante, lo stesso dondolare che il neonato percepisce all’interno della culla quando uno dei genitori cerca di farlo addormentare. Ebbene, cosa hanno in comune tutte queste situazioni? Che colui che subisce questo dolce “dondolio” o leggera vibrazione alla fine è portato a sentirsi più stanco, privo di forse e assonnato e quindi ad addormentarsi.

    Un effetto inarrestabile

    Secondo gli scienziati dell’Università di Melbourne la stessa situazione accadrebbe in auto dove il conducente, soggetto alle vibrazioni leggere innescate dal motore, sarebbe portato pian piano alla sonnolenza o al colpo di sonno. Le leggere ma seppur constanti vibrazioni causerebbero, infatti, un leggero ma inesorabile affievolimento dei sensi e una certa sensazione di stanchezza al quale il guidatore non sarebbe in grado di opporsi. La ricerca australiana ha, infatti, evidenziato che vibrazioni con una frequenza compresa tra i 4 e i 7 Hz sarebbero in grado di indurre stanchezza poiché andrebbero ad influenzare direttamente la frequenza cardiaca. Il sistema nervoso, sentendosi sempre più stanco e rallentato, attiverebbe un meccanismo di compensazione che porterebbe al calo della concentrazione, all’instaurarsi della sonnolenza e al colpo di sonno definitivo.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime