Carburanti: crollano i consumi e gli incassi dello Stato

La forte contrazione nei consumi e nel prezzo di benzina e diesel ha portato a un gettito fiscale per lo Stato inferiore di ben 5 miliardi.

1/5

La quarantena, resasi necessaria per contenere la forte epidemia di Coronavirus (Covid-19), ha portato inevitabilmente tutti noi a stare il più possibile a casa per quasi 3 mesi. Questo ha innescato ovviamente una forte diminuzione degli spostamenti e quindi un forte calo nei consumi di carburante. Crollo della richiesta che si è accompagnata alla forte contrazione nei prezzi del greggio e quindi di quelli alla colonnina che hanno portato in ultima istanza a un gettito fiscale per lo Stato italiano inferiore di ben 5 miliardi.

Lo studio arriva dal Centro Studi Promotor che, in base ai dati diffusi dal Ministero dello Sviluppo Economico, ha registrato come il calo dei consumi di carburante in Italia nel semestre gennaio-giugno 2020 si è attestato intorno al 26,7%. A questo calo ha fatto seguito un crollo nei prezzi alla colonnina con un -6,45% per la benzina e un -8,55% per il diesel. Due crolli che hanno portato a un risparmio del 32,4% per le tasche degli italiani (circa 9,4 miliardi in meno rispetto allo stesso periodo del 2019) ma anche a una perdita per le casse dello Stato pari a 5 miliardi fra accise e Iva.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News