BMW Concept XM, SUV al massimo

Il concept XM anticipa il futuro modello ad alte prestazioni della famiglia di Sport Utility X. Sotto il cofano monta un V8 a benzina da ben 750 Cv e 1.000 Nm di coppia massima accoppiato a un powertrain ibrido plug-in...

1/19

Bmw anticipa come sarà la visione di un futuro modello della X ad alte prestazioni. Il concept XM, infatti, riassume il meglio della famiglia dei Suv firmati M, la divisione di vetture ad alte prestazioni del brand di Monaco di Baviera. Servirà in particolare a festeggiare i 50 anni della famiglia BMW M GmbH che ricorreranno il 22 maggio 2022. Per non perdere l’occasione è già stato annunciato anche un nuovo logo per tutte le auto siglate M a partire dalla produzione di marzo.

Da segnalare, infine, che per la fine di quest’anno la divisione M si aspetta di battere l’ennesimo record di vendite visto che di sicuro sarà superato il totale ottenuto l’anno scorso.

Potenza record
La nuova XM diventa di fatto la seconda Bmw M sviluppata esclusivamente e dunque in autonomia dalla divisione sportiva del brand dopo la mitica M1 del 1978. Non a caso la nuova è stata progettata per traghettare il marchio nell’era dell’elettrificazione ad alte prestazioni.

Con i suoi 750 cv di potenza e 1.000 Nm di coppia, infatti, l’XM promette di essere la Bmw M più potente di sempre. La base meccanica prevede, infatti, un motore V8 a benzina abbinato ad una unità elettrica plug-in in grado di garantire fino ad 80 km di autonomia 100% in elettrico. E veniamo allo stile del Concept XM che dimostra di voler introdurre anche numerose novità estetiche che lo differenziano, ad esempio, anche dalla iX, il mega suv elettrico di Bmw già in vendita.

Cerchi da 23”
Inedita è la divisione dei fari anteriori in due moduli separati, con quello superiore che contiene la firma luminosa, così come il grande doppio rene di tutte le Bmw sottolineato però da una cornice luminosa che si allarga e si assottiglia in vicinanza dei fari per assumere una forma quasi ottagonale. Più da showcar sono, invece, i sottili fari a Led sopra il parabrezza e integrati nei montanti anteriori dipinti di nero.

La visione laterale della XM si caratterizza, invece, per una sagoma a due volumi con il padiglione che abbassa verso la coda e propone una linea vetrata assottigliata dei finestrini. Mentre i tipici dettagli dei suv Bmw come i passaruota sono abbinati a cerchi in lega da 23 pollici e dagli specchietti M dei retrovisori. Lounge di lusso La coda propone uno stile molto sportivo con il logo Bmw inciso al laser sul lunotto, un richiamo alla M1.

Evoluto l’abitacolo della XM rispetto anche a quello della iX, visto che prevede un’inedita interpretazione del concetto di Lounge con l’abitacolo orientato al guidatore, materiali di qualità per il cruscotto e la console centrale, così come per i sedili. La finitura del posto di guida si distingue dal resto dell’abitacolo che ha al centro il Bmw Curved Display. Il Curved Display in particolare è naturalmente basato sull’ultima generazione del Bmw iDrive tanto che offre di conseguenza a chi guida un’interfaccia utente decisamente innovativa, oltre che specificamente progettata per la Concept XM con l’obiettivo di portare ai massimi livelli l’esperienza di guida della vettura e in prospettiva anche di tutti i prossimi modelli siglati Bmw M in arrivo in futuro.

Associare la sigla XM al nuovo mega suv di Bmw ha destato più di una perplessità tra chi ricordano la berlina degli anni novanta di Citroën che portava la stessa sigla. È improbabile che qualcuno possa confondere un suv da 750 Cv con una berlina di lusso alla francese, ma è comunque insolito per una casa automobilistica adottare un nome da già utilizzato da altri costruttori. In realtà le due Case automobilistiche hanno da tempo sottoscritto un accordo che consente loro l’impiego reciproco.

1/20

Le ultime news video

Tags

© RIPRODUZIONE RISERVATA