Bmw X5 e X6: il 3.0 diesel abbraccia l’ibrido

Le versioni xdrive40d saranno affiancate dalla tecnologia mild-hybrid a 48 Volt e potranno essere acquistate da maggio 2020 a prezzi non ancora definiti.

1/9

Le due eleganti e sportive Suv di Monaco di Baviera sono le prossime a beneficiare della forte strategia di elettrificazione dell’intera gamma, avviata dalla Casa dell’Elica. Dopo aver visto l’introduzione del sistema mild-hybrid a 48 Volt sul motore da 2.0 litri 4 cilindri turbodiesel delle Serie 5 e Serie 3 in versioni rispettivamente 520d e 320d (berlina e Touring), ora questa tecnologia (MHEV) verrà installata anche sul motore da 3.0 litri 6 cilindri in linea turbodiesel delle nuova Bmw X5 e X6.

Minori consumi, maggiori prestazioni

Le versioni xdrive40d saranno, infatti, equipaggiate con questo powertrain ibrido plug-in con circuito aggiuntivo a 48 Volt e saranno in grado di erogare per l’occasione la bellezza di 340 Cv e ben 700 Nm di coppia massima. Un propulsore che, lo ricordiamo, si avvale oltremodo di una sovralimentazione bistadio e della geometria variabile. Il sistema ibrido leggero fa, invece, affidamento su un motogeneratore-alternatore-starter, installato al posto del classico alternatore, che è capace di fornire al motore termico ben 11 Cv di potenza aggiuntiva e di aiutarlo in tutte quelle fasi di minore efficienza. Ad alimentarlo ci pensa una piccola batteria agli ioni di litio a 48 Volt che viene ricaricata nelle decelerazioni e nelle frenate ma che non permette purtroppo una circolazione in modalità esclusivamente elettrica. Una soluzione che affianca ai vantaggi dell’omologazione come ibrida quelli relativi a consumi ed emissioni ridotte a fronte di maggiore potenza e prestazioni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime