BMW X3 xDrive30e - Primo contatto

Il suv medio elettrificato di casa BMW è equipaggiato con lo stesso motore 2.0 litri 4 cilindri a benzina con una turbina TwinScroll che è già presente sulla variante a benzina della X3 20i.

1/19

Si tratta infatti di un motore disposto longitudinalmente capace di erogare 184 CV e 300 Nm di coppia e con l’innovativo sistema di controllo dell’alzata delle valvole “made in BMW” chiamato doppio VANOS. Data la differente disposizione del motore endotermico rispetto alle piccole X1 e X2, in questo caso il motore elettrico è posizionato tra l’unità a benzina e il cambio, il solito e collaudato ZF ad 8 rapporti che equipaggia i modelli bavaresi con motore longitudinale. Il motore elettrico di tipo sincrono eroga una potenza massima di 109 CV e una coppia di 265 Nm disponibili subito. A differenza delle sorelle minori, sulla X3 la trazione integrale è garantita grazie ad un vero e proprio albero di trasmissione e sarà dunque il sistema di gestione eDrive a decidere se sfruttare il surplus di potenza e coppia dato dall’apporto del motore elettrico oppure se usare l’unità come generatore per la ricarica delle batterie da 12 kWh. Essendo l’X3 un progetto risalente a circa tre anni fa, l’integrazione delle componenti del sistema ibrido non è ancora ottimale: le batterie sono infatti state disposte sotto i sedili posteriori ma questo ha imposto lo spostamento del serbatoio del carburante sopra l’assale posteriore, rubando un po’ di spazio al vano di carico: si forma infatti un gradino di circa 4 cm limitando così l’altezza del vano di carico. Le prestazioni del suv medium-size dell’elica sono di tutto rispetto: la potenza totale del sistema si attesta a 292 CV per un valore di coppia totale di 420 Nm, 20 in più rispetto al modello più venduto nel mercato europeo, il 20d equipaggiato con il 2.0 litri diesel da 190 CV. Nonostante il peso non proprio contenuto di circa 2050 kg la vettura accelera da 0 a 100 km/h in soli 6.1 secondi. Per quanto riguarda i tempi di ricarica, utilizzando la BMW i Wallbox disponibile per tutte le vetture elettrificate del marchio, è possibile fare il pieno di elettroni in 3.5 ore; utilizzando una normale presa di ricarica i tempi si assestano a circa 6 ore. L’X3 è inoltre dotata di un sistema di climatizzazione ausiliario controllabile a distanza tramite l’applicazione BMW Connected in grado di riscaldare o raffrescare l’abitacolo prima della partenza; per ottimizzare al massimo il consumo di energia, questa operazione può essere fatta durante la fase di ricarica, salvaguardando così circa 5 chilometri di autonomia. Alla guida anche la BMW X3 dimostra una eccellente integrazione tra i due motori, permettendo così una guida estremamente fluida; a differenza di X1 e X2, essendo in questo caso il motore elettrico integrato nel cambio, durante la marcia completamente elettrica i passaggi di marcia sono avvertibili ma comunque mai in modo brusco. Il veicolo in prova era inoltre equipaggiato con il pacchetto Driving Assistant Plus comprendente tutti i più recenti ritrovati in materia di sicurezza di guida attiva e passiva, dall’assistente per gli angoli ciechi al jam assist, passando per il cruise control adattivo. Anche sfruttando questi sistemi il sistema ibrido lavora in maniera ottimale sfruttando al massimo la trazione elettrica in modalità MAX eDrive oppure salvaguardando la carica delle batterie in modalità SAVE. Anche sulla X3 debutta il nuovo sistema di infotainment aggiornato alla sua settima generazione e introdotto con la Serie 3, che si compone di uno schermo centrale di 10.25’’ e di uno dietro al volante di ben 12.3’’ e che, in combinazione con l’head-up display, permette di avere tutto sotto controllo. La velocità massima raggiungibile in modalità completamente elettrica è di 135 km/h ma sfruttando anche il motore endotermico si possono raggiungere i 210 km/h. Durante il nostro tragitto misto siamo riusciti a percorrere circa 41 chilometri in elettrico, un po’ meno dei 58 dichiarati, registrando un consumo medio di 4.1 l/100 km. Nella guida più dinamica l’X3 mostra sempre un comportamento sicuro e preciso anche se l’aggravio di peso dovuto alla presenza delle batterie e del motore elettrico si fa sentire nei cambi di direzione più repentini. Il confort acustico a bordo è sempre garantito anche quando il motore a benzina è in funzione anche grazie all’utilizzo di doppi vetri isolanti. La BMW X3 sarà una delle prime vetture bavaresi ad essere proposta in diverse varianti di motorizzazione: infatti ai canonici motori diesel e benzina mild-hybrid si affiancano la variante plug-in e, nei prossimi mesi, la versione completamente elettrica chiamata iX3.

Luca Corradini

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le nostre Prove