a cura di Redazione Automobilismo - 02 September 2018

BMW Serie 8 Cabrio: ultimi collaudi nella Death Valley

La super lussuosa cabrio di Monaco di Baviera verrà sottoposta a severissimi test per testarne le qualità progettuali e costruttive.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/12

    Siamo soliti ormai assistere sempre più spesso a immagini e video che ritraggono le Case automobilistiche impegnate in severissimi collaudi finali per le loro nuove vetture in habitat particolarmente rigidi e ostili come Arjeplog, in Svezia, Ivalo in Finlandia o Rovaniemi sempre in Finlandia. Località nelle quali le nuove vetture o i muletti vengono sottoposti a difficilissimi test climatici con temperature di molti gradi sotto zero e condizioni climatiche davvero difficili. Non esistono però solamente i test climatici per così dire invernali ma anche quelli esattamente all’opposto. Stiamo parlando dei collaudi che vengono eseguiti nelle zone più calde del pianeta, in località particolarmente aride, secche, polverose e afose.

    Prima la meccanica

    E’ esattamente a questa tipologia di test e collaudi che gli ingegneri e i progettisti della Casa dell’elica stanno sottoponendo la nuova Serie 8 Cabrio così da valutarne la bontà del progetto prima della messa in commercio. La nuova BMW Serie 8 Cabrio verrà messa al prova con le temperature infernali (oltre i 50°) della Valle della Morte, sia la capote in tela che l’intera meccanica dovranno vedersela con le finissime polveri del deserto del Mojave e con le lande torride del West, sarà poi il momento del congestionato traffico e dei continui stop and go lungo la Strip di Las Vegas, da qui si passerà alle piste di ghiaia attorno al Monte Whitney prima e ai lunghi viaggi tra la costa del Pacifico e le Montagne Rocciose poi.

    Poi l’elettronica

    Tutti questi collaudi e chilometri percorsi saranno utili per verificare sicurezza funzionale dei componenti meccanici ed elettronici in condizioni climatiche estreme come il climatizzatore, il sistema di infotainment, la nuova strumentazione digitale e naturalmente il motore, cambio e tutti gli altri elementi meccanici. Non mancheranno, infine, le verifiche ai sensori e alle telecamere per i sistemi di guida, alle funzioni di connettività e alle regolazioni del sedile. Tutti componenti elettronici che dovranno in ultimo superare il severissimo test della diga di Hoover dove le forti onde elettromagnetiche, generate dalle turbine idroelettriche della diga, diranno se I sistemi elettronici della cabrio bavarese è abbastanza resistenze alle interferenze elettromagnetiche ed è pronta per la commercializzazione.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime