Bmw M3 e M4 2029: design della discordia

In arrivo a marzo 2021 con prezzi da 95.900 euro, le nuove sportive bavaresi ripropongono il consueto pacchetto tecnico meccanico di prim’ordine ma un look un po’ fuori dall’ordinario. Cosa ne pensate?

1/20

La Casa dell’Elica ha finalmente svelato le versioni definitive delle sue sportive in versione berlina e coupé. Stiamo parlando naturalmente delle nuove Bmw M3 e M4, varianti super vitaminizzate che fin dai primi teaser apparse in rete hanno subito creato scalpore e fatto parlare molto di se, nel bene o nel male. Nata nel lontano 1985, la Bmw M3 è giunta ora alla sesta generazione e, come è successo negli ultimi anni, si propone al grande pubblico in due varianti di carrozzeria: berlina, la M3, basata sulla nuova Serie 3 berlina, o coupé, la M4, derivata dalla Serie 4 coupé.

Diversamente però da quanto accaduto con le generazioni precedenti, le nuove M3 e M4 saranno ancora più riconoscibili fin dal primo sguardo grazie a un dettaglio del frontale che ha creato scalpore fin dalle prime immagini apparse in rete. Il Brand di Monaco di Baviera ha, infatti, deciso di caratterizzare questi due nuovi modelli con una grande mascherina a sviluppo verticale, molto simile a quella della Serie 4 Coupé, totalmente nera, senza cornice e ospita al centro la targa. Il muso poi è ulteriormente impreziosito da presa d’aria maggiorate ai lati del fascione, dalle feritoie nel cofano e dai passaruota più prominenti. Completano il design sportivo le minigonne più pronunciate, un piccolo spoiler sul portellone posteriore, l’estrattore dell’aria nel fascione posteriore e un impianto di scarico con quattro terminali, ciascuno di 10 cm di diametro. Immancabili, infine, il tetto in fibra di carbonio e il cerchi in lega da 18 pollici all’anteriore e da 19 pollici al posteriore oppure 19 pollici davanti e 20 dietro.

Salendo a bordo si ritrova il tipico abitacolo Bmw, già visto a bordo delle nuove Serie 3 e Serie 4, ma fortemente impreziosito da dettagli sportivi e finiture in stile racing come i nuovi sedili con guscio in fibra di carbonio, più leggeri di 9,6 kg rispetto a quelli standard, il volante sportivo con le due ben note levette rosse e la strumentazione digitale con schermate specifiche di chiaro riferimento sportivo. Aprendo il cofano, invece, si è ammaliati dal consueto pacchetto tecnico meccanico di prim’ordine che vede in primis il motore S58, un 3.0 litri 6 cilindri in linea biturbo benzina in grado di erogare la bellezza di 480 CV di potenza e 550 Nm di coppia nella versione normale oppure ben 510 CV di potenza e 650 Nm di coppia nella versione Competition. La prima variante si avvale del cambio manuale a 6 rapporti e della trazione unicamente posteriore mentre la seconda fa affidamento su un cambio automatico a 8 rapporti e sulla trazione integrale M xDrive nella quale l’elettronica controlla la ripartizione della coppia fra i due assi delle ruote, permettendo persino la selezione delle sole due ruote posteriori.

Oltre all’iconico propulsore sotto pelle delle nuove Bmw M3 e M4 vi sarà un telaio irrigidito, specifiche sospensioni adattive con ammortizzatori a controllo elettronico, sterzo a demoltiplicazione variabile e impianto frenante potenziato per far fronte alla maggiore potenza a disposizione. Con un peso equamente distribuito di 1.705 kg per la M3 e 1.700 kg per la M4, le due sportive bavaresi archiviano la pratica dello 0-100 km/h in appena 4,2 secondi le versioni normali o 3,9 secondi le versioni Competition e toccano entrambe la velocità massima limitata elettronicamente di 250 km/h, limitatore che può essere rimosso per una velocità di punta di ben 290 km/h. Prime consegne in concessionaria previste per marzo 2021 (versioni normali) e per luglio 2021 (versioni Competition), le BMW M3 e M4 Coupé attaccano il listino con prezzi di lancio rispettivamente di 95.900 euro e 96.500 euro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime