a cura di Redazione Automobilismo - 02 ottobre 2019

BMW 520d: benvenuto mild-hybrid 48 Volt

Un sistema ibrido leggero si affianca al già ottimo turbodiesel da 2.0 litri per abbattere ulteriormente i consumi e le emissioni

1/5

La Casa dell’Elica ha annunciato che dal prossimo novembre introdurrà a listino una nuova variante mild-hybrid a 48 Volt della sua Serie 5, sia in versione berlina sia station wagon. Il sistema ibrido leggero affiancherà un propulsore a gasolio, nella fattispecie il ben noto 2.0 litri 4 cilindri turbodiesel da 190 CV e 400 Nm di coppia. Il nuovo sistema mild hybrid permetterà alla Bmw 520d di far registrare un consumo medio combinato di circa 23,2 km/l con una emissione media di circa 112 g/km di CO2.

Nello specifico il nuovo powertrain mild-hybrid a 48 Volt si avvale di un piccolo moto-generatore che, collegato all’albero motore tramite una cinghia, sostituisce alternatore e motorino di avviamento. Tale sistema funge anche da motore elettrico in grado di aiutare il motore turbodiesel nelle fasi di minore efficienza (bassi carichi e bassi regimi), da generatore per recuperare in una specifica batteria a 48 Volt l’energia che altrimenti andrebbe dispersa nella fasi di decelerazione o rilascio e da motorino di avviamento nelle fasi di veleggiamento in cui è capace di spegnere il motore quando l’auto procede a velocità costante.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News