Aznom Palladium: lussuosa e inarrestabile limousine dal profumo italiano

Realizzata artigianalmente e forte di un motore capace di erogare ben 710 Cv e 950 Nm, è in grado di offrire non solo un lusso smodato e un comfort senza paragoni ma anche la capacità di affrontare qualsiasi tipologia di terreno, beffandosi delle sue dimensioni e delle sue masse in gioco. I prezzi non sono ancora stati svelati.

1/12

Aznom, società italiana con sede a Monza, ha finalmente svelato la sua ultima creatura. Denominata Palladium, si tratta di una hyper-limousine, caratterizzata da dimensioni imponenti e lusso sfrenato, che solo però solo pochissimi fortunati potranno abbordare. La vera particolarità di questa nuova e mastodontica limousine non sono tanto però le sue dimensioni imponenti o il lusso sfrenato che la caratterizza ma è la sua innata capacità di adattarsi a tutte le tipologie di terreno e di condizioni atmosferiche. Non per niente i suoi stessi ingegneri e progettisti la definiscono come una “All-Terrain Luxury Sedan”, berlina di lusso adatta a tutti i terreni, con l’intento di sottolineare come la affascinante limousine sia progettata per garantire non solo il massimo comfort agli occupanti ma anche per affrontare tratti non asfaltati.

Progettata e disegnata dallo studio Camal di Torino, la Aznom Palladium si fregia di una linea gradevole e dinamica, oltre che elegante, che riesce a camuffare per bene le sue per niente trascurabili dimensioni esterne: quasi 6 metri di lunghezza, 2 di larghezza e 2 di altezza. Il punto forte sono però gli interni dove ritroviamo un abitacolo curato come un salotto dell’alta borghesia. A farne da padrone materiali di altissima qualità, finiture impeccabili e rivestimenti pregiati come ottimi pellami. Un ambiente però non solo elegante ma anche estremamente spazioso, accogliente e confortevole. L’ampio abitacolo ospita, infatti, solo quattro posti a sedere che garantiscono però un ampio spazio e una elevata abitabilità. Alla cura per i materiali e i dettagli si affianca poi un livello tecnologico da prima della classe che si compone di un cockpit digitale, quattro piccoli schermi touch, uno per portiera, per la gestione di diversi parametri e due tablet Microsoft Surface X Pro per i passeggeri posteriori. Immancabili poi i numerosi sistemi di sicurezza e assistenza alla guida e tutti i sistemi di infotaniment, navigazione e connettività.

A spingere una possente e sontuosa limousine come la Aznom Palladium troviamo nientemeno che un V8 biturbo da 5,7 litri, capace di erogare 710 Cv e 950 Nm di coppia. Valori in grado, nonostante il peso sulla bilancia abbia fatto segnare la bellezza di 2.650 kg, di spingere la Palladium fino a 210 km/h di velocità massima (autolimitata) e di farle archiviare la pratica dello 0-100 km/h in soli 4,5 secondi, un dato di tutto rispetto. Ad affiancare il possente motore vi è un cambio automatico a 8 rapporti con persino le ridotte e l’utilissima trazione integrale inseribile, caratterizzata da un differenziale autobloccante elettronico, che saranno allo stesso tempo coadiuvati da ammortizzatori FRD (Frequency Response Damping) con assetto variabile a controllo elettronico, impianto frenante maggiorato con dischi anteriori da 408 mm e posteriori da 380 mm e pinze Brembo GT a sei e 4 pistoni rispettivamente in grado di fermare una massa così imponente, cerchi in lega leggera da ben 22 pollici con pneumatici Yokohama Advan Sport nella misura 285/45ZR22 e ben quattro diverse modalità di assetto con differenti altezze dal suolo per affrontare ogni tipologia di terreno.

La struttura del veicolo è realizzata in grandissima parte in acciaio ad alta resistenza e solo alcuni dettagli sono in alluminio, per cercare di contenere i pesi laddove possibile, senza intaccare rigidità, robustezza e resistenza negli impatti. Cofano e tetto sono in carbonio mentre i fascioni paraurti sono in materiale composito sia davanti che dietro. Le sospensioni anteriori indipendenti presentano bracci superiori e inferiori in alluminio mentre la barra stabilizzatrice anteriore è stata posizionata dietro l’asse delle ruote a vantaggio della resistenza al rollio. La sospensione posteriore è invece a cinque bracci per garantire una migliore reazione sugli ostacoli. Prodotta in soli 10 esemplari, la Aznom Palladium rimarrà quindi un modello molto esclusivo o per meglio dire uno sfizio per pochi privilegiati. I prezzi non sono ancora stati svelati ma non fatichiamo a credere che sarà a dir poco elevato come elevato è il lusso e il comfort che questa gigantesca vettura è in grado di offrire.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime