Autostrade: novità per tratte liguri

I cantieri che anche lo scorso weekend hanno paralizzato tutta la rete autostradale ligure dovrebbero essere vicini a una imminente conclusione o comunque a una risoluzione che comporti minori disagi per automobilisti, trasportatori, vacanzieri e lavoratori.

1/5

Lo sappiamo benissimo, è dalla fine del lock down che le autostrade liguri sono interessante da forti rallentamenti e, con l’arrivo della stagione estiva e dei primi esodi per le vacanze, e da code chilometriche che stanno rendendo la vita impossibile non solo ai vacanzieri ma anche a tutti gli automobilisti, trasportatori e lavoratori che quotidianamente devono per forza utilizzare quei tratti autostradali per recarsi sul posto di lavoro. Anche il weekend scorso non è passato via senza forti disagi e continue polemiche. Il problema è la mancata manutenzione da parte di Autostrade per l’Italia, i reportage falsificati sullo stato e le condizioni delle nostre infrastrutture e il rallentamento causato dal Coronavirus che non ha fatto altro che spostare il problema sempre più verso la stagione dei grandi viaggi. Per fortuna però sembra proprio che un piccolo spiraglio di luce inizi a intravedersi.

Stando, intatti, a quanto dichiarato da Enrico Valeri, direttore gestione rete di Autostrade per l’Italia, i lavori sulle arterie autostradali potrebbero trovare compimento in buona parte entro il prossimo sabato, salvo naturalmente imprevisti dell’ultimo minuto. Le circa 15 gallerie che ancora restano da completare dovrebbero presto veder sparire i cantieri al loro interno. Ben 1.200 operai sarebbero all’opera in turni continui anche durante i weekend per fare in modo che i disagi possano finire quanto prima. Una volta terminati i lavori, infatti, si dovrebbe poter tornare a viaggiare su due corsie per senso di marcia su tutte le tratte liguri. Un condizione che tutti noi speriamo possa avvenire quanto prima. Certo è che, una volta terminati i grandi esodi estivi e i congestionati rientri, i lavori di manutenzione straordinaria dovranno riprendere per mettere in sicurezza tutti quei ponti, viadotti e gallerie che hanno riportato una scarsa manutenzione negli anni precedenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News