Auto, nuova vita: dal drive-in al tampone

Preferita ai comuni mezzi di trasporto specie in questa Fase 2, l’automobile potrebbe diventare nuovamente protagonista anche all’interno di attività fino a oggi impensabili.

1/5

La situazione è ormai chiara. L’automobile in questa Fase 2 è vista dalla maggior parte degli automobilisti e cittadini come un luogo molto più sicuro e protettivo dei comuni mezzi di trasporto. Uno strumento con cui muoversi e prendersi le proprie libertà in totale sicurezza e con una certa distanza e protezione dalle altre persone. Per questo motivo potrebbe acquistare sempre più importanza anche all’interno di attività fino a oggi impensabili. Tra queste vi sarebbero anche quelle attività che fino a oggi avevamo dovuto rinunciare e che, invece, d’ora in avanti potrebbero essere riscoperte proprio a bordo delle nostre vetture. Basti pensare al consumare del cibo in compagnia, magari sfruttando proprio quelle strutture come il Mc-Drive, al vedere un film sempre in compagnia con il ritorno in auge del cinema drive-in o il semplice raggiungimento di un determinato logo in totale sicurezza e lontani da possibili pericoli per contagio e infezione. Ora però, con i pronto soccorsi e gli ambulatori ritenuti zone off-limits, la vettura potrebbe diventare anche il luogo ideale all’interno della quale fare i tamponi naso-faringei alle persone a rischio. Una vera e propria nascita dei drive-in del tampone che sembra stiano prendendo piede un po’ ovunque ne mondo. Tempo di guidare fino ai siti dedicati, abbassare il finestrino, effettuare i prelievi, pigiare l’acceleratore e il gioco è fatto. Proteggendo sia la salute dei sanitari che quella di conducente e passeggeri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News