a cura di Redazione Automobilismo - 29 novembre 2019

Auto elettriche: permane il problema del costo delle batterie

Serviranno ancora molti anni prima che si arriverà a un punto di pareggio tra il costo delle vetture a batteria e quello delle vetture tradizionali.

1/7

Costo eccessivo

Come già vi abbiamo ripetuto altre volte la piena diffusione della mobilità elettrica è fortemente ostacolata da diversi fattori: l’eccessivo costo iniziale, la scarsa autonomia chilometrica, la mancanza di sufficienti postazioni di ricarica, la inadeguatezza delle infrastrutture sparse per il territorio e la ancora eccessiva lentezza della fase di ricarica. A tutti questi problemi si aggiunge purtroppo l’eccessivo costo dei pacchi batteria che equipaggiano queste vetture ecologiche o a emissioni zero. Un costo dettato dal reperimento e l’estrazione delle materie prime per produrle e dalle tecnologie attualmente a disposizione.

Punto di pareggio lontano

Secondo uno studio condotto dal Massachusetts Institute of Technology (MIT), il prezzo delle vetture elettriche rimarrà ancora per lungo tempo superiore a quello delle attuali vetture a combustione. La motivazione è proprio dettata dall’ancora eccessivo costo degli accumulatori agli ioni di litio che servono ad alimentare le vetture. Leggendo con attenzione lo studio, si scopre come secondo l’istituto statunitense il di diminuzione del prezzo delle batterie agli ioni di litio attualmente in corso subirà una brusca frenata, facendo sì che il costo complessivo delle auto elettriche si stabilizzi a un livello comunque superiore a quello delle vetture tradizionali.

Meglio lo stato solido

Insomma il punto di pareggio sembra essere ancora lontano e per questo serve che le Case trovino il prima possibile una soluzione a questo problema. Non va, infatti, dimenticato che il costo della batteria è attualmente pari a un terzo di quello totale di un veicolo elettrico. Giusto per darvi una indicazione di massima, vi basti pensare che ad oggi ogni kWh di una batteria elettrica varia dai 175 ai 300 dollari, valore che non dovrebbe scendere al di sotto dei 124 dollari nemmeno fra una decina di anni. Alle Case non resta quindi che rivolgersi verso nuovi processi e nuove tecnologie come lo stato solido se vorranno far diventare la mobilità a batteria competitiva nei confronti di quella con motore termico.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News