Auto elettriche e le emissioni elettromagnetiche

Per ottenere il via libera all’omologazione UE anche le auto elettriche devono superare alcuni severissimi test, tra i quali quello sulle onde elettromagnetiche.

1/7

Pensare che un’auto totalmente elettrica possa essere diversa da un dispositivo tecnologico elettrico è cosa folle. Specie se si prendono in considerazione le tanto “chiacchierate” onde elettromagnetiche che tutti i dispositivi elettrici emettono, auto a batteria comprese. Per questo motivo le auto elettriche, per ottenere il via libera all’omologazione UE e poter essere immesse in commercio, devono per forza superare alcuni severissimi test, tra i quali quello sulle onde elettromagnetiche. Questi test si assicurano che la emissione di onde elettromagnetiche da parte di un’auto a batteria possa non essere dannosa per l’uomo e possa non interferire con dispositivi esterni come semafori, autovelox, telefoni cellulari o addirittura pacemaker o ancora altri dispositivi elettrici ed elettronici.

Per capire però come funzionano questi particolari test, la Casa automobilistica croata Rimac ha pensato bene di realizzare alcuni video all’interno dei suoi avanzatissimi laboratori e centri di ricerca così da mostrarci come lei stessa mette alla prova e collauda le proprie auto anche sotto gli aspetti poc’anzi citati. All’interno di una camera semi-anecoica che non fa penetrare interferenze dall’esterno l’auto viene avviata e fatta viaggiare a diverse velocità su un dinamometro per poi essere investita da radiazioni comprese tra i 20 MHz e i 20 GHz.

A questo punto vengono testati tutti i sistemi e dispositivi di bordo per valutare che questi non vengano influenzati dalle radiazioni e nello stesso tempo vengono tenute sottocontrollo le onde elettromagnetiche emesse dalla vettura in tutte le condizioni e situazioni così da essere sicuri che i valori non siano mai superiori a quelli previsti dalla legge. Infatti, un’attenzione particolare viene posta alla fase di ricarica del pacco batteria in quanto è proprio in questo momento che si hanno le maggiori emissioni di onde elettromagnetiche, specie se si ha a che fare con colonnine rapide (fast charge) di alta potenza.


© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News