a cura di Redazione Automobilismo - 27 febbraio 2019

Audi SQ5 TDI: il diesel vola a 347 CV

Con prezzi a partire da 67.750 euro va ad affiancare il tre litri turbo benzina, toccando quota 347 CV e 700 Nm grazie al sistema mild-hybrid a 48 Volt e il compressore ad azionamento elettrico.
1/8

La Casa di Ingolstadt ha annunciato l'introduzione di una nuova motorizzazione per la sua Suv premium dal carattere peperino. Stiamo parlando dell'Audi SQ5 che da dopo l'estate andrà ad affiancare al già prestazionale motore turbo benzina un altrettanto prestazionale motore tubo diesel. Al fianco del già ben noto 3.0 litri V6 turbo (twin-scroll) benzina da 354 cavalli e 500 Nm, la Casa dei Quattro Anelli introdurrà un 3.0 litri V6 turbodiesel da 347 CV e 700 Nm.

All'avanguardia della tecnica

Il poderoso motore ha ricevuto non pochi miglioramenti rispetto alla precedente generazione e sopratutto l'introduzione di novità tecniche per nulla trascurabili. In primis vi è il sistema mild-hybrid a 48 Volt, un motore elettrico collegato al motore termico tramite una cinghia che permette le funzioni di Stop&Start avanzato e di veleggiamento, rigenerazione in decelerazione e di motore elettrico in accelerazione; in secondo luogo adotta un compressore ad azionamento elettrico, caratterizzato da un motore elettrico compatto della potenza di 7 kW che si occupa di accelerare la girante del compressore al posto della classica turbina azionata dai gas di scarico caldi; in ultima istanza ha ricevuto albero motore, pistoni, bielle e sistema di lubrificazione di ultima generazione.

Potente ma ecologico

Grazie a queste migliorie e novità tecniche il robusto motore a gasolio è capace non solo di archiviare la pratica dello 0-100 km/h in soli 5,1 secondi e di raggiungere una velocità massima (limitata elettronicamente) di 250 km/h, ma anche di consumare ed emettere solamente 6,6 - 6,8 litri di gasolio ogni 100 chilometri (ciclo combinato NEDC) e 172-177 grammi di CO2/km rispettivamente, dimostrandosi conforme all'ultimissima normativa Euro 6d-Temp.

Il posteriore "curva"

Per tenera a bada tale surplus di potenza e coppia vi sono naturalmente il cambio automatico Tiptropnic con convertitore di coppia e otto rapporti e la trazione integrale permanente Quattro con distribuzione della coppia in rapporto di 40:60 in condizioni normali ma che distribuzioni limite di 70:30 e 15:85 in caso di perdita di aderenza. In opzione è possibile avere anche il differenziale autobloccante sportivo sull'asse posteriore con funzione torque vectoring.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime