Audi Q5 Sportback: stile e tecnologia si fondono insieme

Ordinabile dal prossimo anno ma in concessionaria da metà 2021, la terza coupé rialzata si posiziona a metà strada tra Q3 Sportback e Q8, chiudendo il cerchio sulla gamma Suv coupé. Il prezzo? Leggermente superiore a quello della Q5 “classica”.

1/34

La Casa dei Quattro Anelli ha calato il tris presentando il terzo modello della sua gamma Suv coupé. Nome in codice Q5 Sportback, è la rivisitazione in chiave CUV – quello che in Audi definiscono come Crossover Utility Vehicle – della neo rinnovata Audi Q5. Una declinazione già vista su Audi Q3 con la presentazione della Q3 Sportback che ora ritroviamo anche sulla sorella maggiore Q5.

Silhouette inconfondibile

Degna rivale di Bmw X4 e Mercedes GLC Coupé, l’Audi Q5 Sportback sarà facilmente riconoscibile grazie a un corpo carrozzeria che, a partire dal montante centrale, assume una forma tutta nuova. Una modifica che a Inglostadt hanno notato avere un forte appeal sul pubblico sempre più attento al design e all’impatto estetico quando sceglie una vettura della Casa dei Quattro Anelli. Più lunga di 8 millimetri rispetto alla sorella tradizionale, mentre altezza e larghezza restano invariate, così come del resto il passo, la Q5 Sportback eredita tutti gli aggiornamenti appena introdotti dalla Q5 “classica”. Caratterizzata da una silhouette del tetto discendente, un lunotto posteriore molto inclinato e una linea più filante della fiancata, la Q5 Sportback sfoggia anch’essa i gruppi ottici posteriori con tecnologia Oled (diodi a emissione di luce organici) e grafica tripartita che si animano secondo tre diverse firme luminose.

Abitabilità invariata

Nonostante il padiglione discendente le misure esterne invariate hanno permesso di non penalizzare l'abitabilità interna e la capacità di carico che fa segnare una capienza minima di 510 litri che possono diventare 570 con il divano scorrevole opzionale o persino 1.480 in caso di completo abbattimento dei sedili posteriori. Capacità di carico che si avvale oltremodo del portellone elettrico di serie e di sospensioni pneumatiche a controllo elettronico (optional) riducono l’altezza da terra di 55 millimetri. Proseguendo con gli interni, l’abitacolo non ha ricevuto stravolgimenti rispetto a quanto già visto a bordo della nuova Audi Q5. Immancabili quindi al centro della plancia lo schermo touch dell’infotainment Mib 3 da 10,1 pollici con feedback acustico e connessione con Amazon Alexa mentre dietro al volante il quadro strumenti digitale Audi Virtual Cockpit Plus da 12,3 pollici. Chiudono il cerchio l'head-up display, la ricarica induttiva, la connettività Android Auto e Apple CarPlay e i comandi vocali.

1/34

A tutto ibrido

A spingere la nuova Q5 Sportback troveremo fin da subito il 2.0 TDI quattro S tronic da 204 CV e 400 Nm di coppia con sistema mild-hybrid a 12 Volt, abbinato alla trazione integrale inseribile quattro ultra (di base la trazione è sulle ruote anteriori) e al cambio doppia frizione a sette marce S tronic. Questo powertrain ibrido leggero si avvale di alternatore starter, collegato al motore tramite cinghia, che permette il recupero dell’energia nelle fasi di frenata e decelerazione e il suo immagazzinamento in una apposita batteria agl ioni di litio. In questo modo la Q5 Sportback è in grado di veleggiare a motore termico spento alle alte velocità e di attivare lo start&stop già dai 22 km/h così da ridurre consumi ed emissioni. Sostanze nocive che vengono tenute a bada anche grazie al doppio sistema di iniezione dell'AdBlue nell'impianto di scarico con doppio catalizzatore Scr, tecnologia che rende questo quattro cilindri TDI omologato Euro 6d secondo il ciclo Wltp + Rde. In futuro arriveranno però anche una variante meno potente dello stesso quattro cilindri turbodiesel (163 CV), un 3.0 V6 TDI mild-hybrid a 48V e due benzina 2.0 TFSI, anche questi mild-hybrid a 12 Volt. Voci di corridoio parlano poi di due varianti ibride plug-in (299 e 367 CV) che dovrebbero equipaggiare le versioni più sportive come la SQ5 mentre la più pepata RSQ5 per ora non è stata annunciata.

Sicura, tecnologica e connessa

Oltre ai robusti e prestazionali propulsori sotto pelle la nuova Q5 Sportback vanterà di serie lo sterzo dinamico e l’assetto sportivo declinato in tre varianti: classico, con ammortizzatori idraulici a controllo elettronico e con sospensioni pneumatiche adattive. A completare, invece, il pacchetto tecnologico ci penseranno i numerosi sistemi di sicurezza e assistenza alla guida come Audi pre sense city, cruise adattivo, traffic jam assist e active lane assist, assistenza alla svolta, avviso di uscita e Collision avoid assist con sterzata automatica, tutti sistemi in grado di dialogare anche con altre Audi grazie alla tecnologia Cat-to-X. Prodotta nella fabbrica di San José Chiapa, in Messico, la nuova Q5 Sportback arriverà nelle nostre concessionarie dalla metà del 2021 ma potrà essere ordinata già da inizio del prossimo anno. I prezzi ufficiali, non ancora comunicati, saranno leggermente superiori a quelli dell’attuale Q5 in versione “classica” ma dovrebbero offrire una più ricca dotazione di serie.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime