NUOVA AUDI Q2, PRIME IMPRESSIONI

Più grintosa nel design, la Suv più compatta della gamma Audi brilla per qualità e dotazioni hi-tech, sfoggia una guida votata al confort ma al tempo stesso agile e reattiva. Riuscito l'abbinamento fra il...

1/31

Audi ha rinnovato la Q2, di fatto il modello più compatto dei Quattro anelli, se si esclude la piccola A1. Trattandosi di un restyling, la parte estetica è cambiata solo in modo marginale, ma ora i tratti stilistici sono più netti e squadrati. Al posteriore, per esempio, il paraurti accoglie un inedito estrattore con cinque inserti pentagonali, mentre il frontale è stato ridisegnato con il single frame ottagonale collocato in posizione lievemente ribassata.

Così le dimensioni crescono di pochi millimetri in lunghezza – ora di 4,21 metri – a fronte di una larghezza (1,79 metri) e altezza (1,54 metri) pressoché invariate; la capienza del bagagliaio rimane di 405 litri. Allo stesso tempo il coefficiente di resistenza aerodinamica (CX) rimane di 0,31, uno dei migliori della categoria. L'ultima novità estetica riguarda i fari a led che ora sono di serie su tutte le versioni e contestualmente debuttano i matrix led tra gli optional. Questi ultimi utilizzano sette LED singoli integrati in un modulo condiviso, che emettono un fascio abbagliante adattivo e illuminano la carreggiata senza infastidire gli altri, grazie alla telecamera anteriore che rileva il traffico e permette di disattivare solo i segmenti luminosi necessari; inoltre integrano gli indicatori di direzione dinamici.

A livello di infotainment, invece, il sistema base guadagna un display più grande - da 7 a 8,3 pollici - e una logica di funzionamento aggiornata. Per la strumentazione, invece, ci sono tre soluzioni: quella analogica, il display a colori e al top il virtual cockpit da 12,3 pollici.

Fin dai primi chilometri questa rinnovata Q2 trasmette subito sensazioni rassicuranti. L’intonazione generale della vettura è votata in primo luogo alla maneggevolezza e alla semplicità di guida e sotto questo profilo il risultato può essere giudicato apprezzabile, in virtù di un assetto che, pur privilegiando il confort, permette di viaggiare con poco impegno e con buon brio. Quanto al motore, il 1.5 a benzina da 150 Cv accoppiato alla trasmissione a doppia frizione S tronic a 7 rapporti rivela ottime doti di elasticità e progressività.

Soddisfa sia per la fluidità sia per la vivacità, in particolare sopra i 2.000 giri, ma anche per l’apprezzabile contenimento della rumorosità In sostanza prontezza di risposta e rapidità nel salire di giri non mancano: c’è tutto quel che serve per viaggiare anche a ritmi piacevolmente sostenuti.

Tanto più che il comportamento stradale conferma di non soffrire più di tanto le conseguenti attenzioni al confort: l’inserimento in curva è sufficientemente pronto, il coricamento laterale non raggiunge mai angoli fastidiosi e soprattutto aumenta con la dovuta gradualità. Segno di un assetto particolarmente riuscito, ben accordato con le inerzie in gioco e capace di garantire sempre un comportamento dinamico senza eccessi di rollio.

Convincente il lavoro delle sospensioni: oltre alle sconnessioni, assorbono a dovere anche i fondi più accidentati e gli sterrati, tracciati questi ultimi dove la Q2 sa muoversi con disinvoltura. Il passaggio sulle asperità stradali risulta decisamente attenuato: niente rimbalzi secchi né sulle buche, né sui sempre più frequenti rallentatori.

Riuscito l'abbinamento con la trasmissione a doppia frizione, fluida e dolce negli innesti, valida per chi predilige la guida in souplesse mentre lo sterzo, mette in mostra una risposta adatta ad accompagnare al meglio la guida di tutti i giorni e ad assecondare bene la dinamica di marcia di una vettura che si rivela sempre facile da assimilare e da gestire. Accompagnato da un coricamento progressivo e mai troppo accentuato, l’inserimento in curva avviene con buona precisione e soprattutto lascia una chiara percezione dell’appoggio.

AUDI SQ2 con il 2.0 TFSI da 300 CV

Audi SQ2 abbina la versatilità della nuova generazione della Suv compatta dei quattro anelli a prestazioni da sportiva e a un design distintivo. La grinta della vettura è rafforzata dal single frame ottagonale ribassato e dalla griglia ispirata al design poligonale. Le affilate feritoie tra calandra e cofano motore costituiscono un omaggio alla mitica Audi Sport quattro del 1984, icona rallystica del Brand.

Le prese d’aria, ampliate, rendono ancora più espressivo il frontale, forte di un’inedita firma luminosa. I proiettori a LED sono di serie. I proiettori Matrix LED con gruppi ottici posteriori a LED e indicatori di direzione dinamici, a richiesta per la versione standard, sono di primo equipaggiamento per la variante sport attitude e costituiscono una novità assoluta per Audi SQ2 oltre che un riferimento tecnologico per il segmento.

Ai listelli sottoporta maggiorati si accompagnano elementi distintivi quali le calotte dei retrovisori laterali in look alluminio, le modanature nere ai finestrini, l’esteso spoiler al tetto e l’estrattore che ospita quattro terminali di scarico ovali. Il cuore di ogni modello Audi S è il motore.

Nello specifico, il 2.0 TFSI di Audi SQ2 eroga 300 Cv e 400 Nm ed è accompagnato da un sound allo scarico possente. In abbinamento al 2.0 TFSI lavorano la trasmissione a doppia frizione S tronic a 7 rapporti e, analogamente a ogni modello della famiglia Audi S, la trazione integrale quattro. Cuore del sistema è la frizione a lamelle elettroidraulica che ripartisce in modo variabile la coppia tra gli assali. Prezzi a partire da 51.700 euro.

Le ultime news video

© RIPRODUZIONE RISERVATA