Audi consegna le Q7 plug-in hybrid agli atleti della Fisi

In occasione del centenario della Federazione oltre 40 vetture sono state consegnate agli atleti della nazionale per i loro spostamenti durante la stagione agonistica.

1/8

Presso l’Hangar Bicocca a Milano è andata in scena nella giornata del 6 ottobre la consegna delle Audi Q7 plug-in hybrid, soluzione di mobilità consapevole ad alte prestazioni, agli atleti della nazionale Fisi. Una flotta di ben 40 nuove vetture per gli atleti che insieme alle altre 8 vetture per lo staff e per l’organizzazione, permetterà a tutta la squadra di potersi spostare comodamente e in sicurezza durante tutta la stagione agonistica. Una partnership, quella tra Audi e la Federazione, che nasce nel 2007 e che quest’anno non poteva non essere festeggiata a maggior ragione visto che ricorre il centenario della Federazione. Dopotutto la sportività è uno dei pilastri su cui si basa la Marca dei Quattro Anelli e trova massima espressione sia nel Motorsport sia sulla strada attraverso tecnologie avanguardistiche, in una continua ricerca della massima efficienza e del miglior risultato. Non per niente Audi è proprio nel Motorsport dove ha sempre individuato un’inesauribile fonte di spunti e soluzioni per rendere più sicure e tecnologiche le auto di tutti i giorni.

Oltre alla sportività, al lusso, al comfort e all’eccellenza il Brand di Ingolstadt è sempre più attento alle tematiche ambientali ed ecologiche. Ecco perché le 40 vetture consegnate non potevano che essere le nuove Audi Q7 plug-in hybrid (TFSI e quattro), uno sport utility full size che arricchisce la già ampia gamma della famiglia plug-in e che partecipa in questo modo al processo di elettrificazione dell’intera gamma, offrendo una vettura con consumi ed emissioni contenute, sensibili vantaggi in termini di mobilità e fiscalità, un’autonomia di 40 km in modalità elettrica ideale per il commuting urbano e la possibilità di ricaricare la batteria comodamente da casa. A spingere il possente Suv troviamo due cuori: un 3.0 litri V6 TFSI, turbo a iniezione diretta di benzina, da 340 CV più un motore elettrico sincrono a magneti permanenti – forte di una potenza di picco di 128 CV – integrato, insieme alla frizione di separazione, nella trasmissione automatica tiptronic a 8 rapporti. Ad alimentare il powertrain elettrico ci pensa naturalmente una batteria agli ioni di litio da 14,3 kWh per una potenza massima di sistema di 456 CV (60 TFSI) o di 381 CV (55 TFSI).

Con quest’operazione, Audi testimonia il proprio impegno nella diffusione di una nuova idea di mobilità, che si esprime attraverso una gamma sempre più elettrificata e rispettosa dell’ambiente a partire dall’inizio della catena produttiva. Infatti la Q7 TFSI-e Quattro va ad ampliare la già vasta gamma plug-in del costruttore tedesco e rafforza la propria offensiva tecnologica votata a una mobilità più consapevole, affiancandosi alle varianti PHEV della A6, della A7 Sportback e della A8, e alla nuova A3 Sportback PHEV.

1/9
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le ultime News