a cura di Redazione Automobilismo - 27 July 2018

Lamborghini Aventador SVJ: al Nurburgring è lei la migliore

Con un tempo di 6'44"97 il Toro di Sant’Agata Bolognese ha spodestato la Porsche 911 GT2 RS, classificandosi come la più veloce auto stradale di serie al Nurburgring.
  • Salva
  • Condividi
  • 1/10

    Neanche un anno e il precedente record, fatto segnare dalla nuova Porsche 911 GT2 RS sul famosissimo circuito del Nurburgring, è stato nuovamente infranto. A compiere l’impensabile, un’impresa tutta italiana, è stato Marco Mapelli, pilota ufficiale della Lamborghini, a bordo della ancora super misteriosa Lamborghini Aventador SVJ dove J sta per Jota, suffisso con cui la Casa definisce le auto più performanti orientate al mondo racing.

    Regina del Ring

    Ebbene si, avete capito bene. Con il tempo di 6 minuti, 44 secondi e 97 centesimi la nuova Lamborghini Aventador SVJ, ancora camuffata, si è fregiata del titolo di auto stradale di serie più veloce del Nurburgring, dimostrandosi ben 2 secondi e 4 decimi più veloce del precedente primato, fatto registrare lo scorso settembre dalla Porsche 911 GT2 RS lungo i 20,6 km della pista tedesca. Un tempo, quello fatto segnare dal duo tutto italiano, che fin’ora mai nessuno era riuscito a siglare. Pensate che è di addirittura 8 secondi più veloce del tempo fatto segnare nel 2016 della Huracán Performante (6:52.01) e di ben 15 secondi più veloce di quello ottenuto nel 2015 dalla Aventador SV da 750 CV (6:59.73).

    Gioca con l’aria

    Ribadiamo però che la vettura, seppur non sia ancora stata presentata al grande pubblico e nemmeno lanciata sul mercato, era una versione interamente di serie e conforme alle specifiche stradali. Derivata direttamente dalla precedente Aventador SV, la nuova Aventador SVJ dovrebbe avvalersi di una versione “vitaminizzata” del propulsore da 6,5 litri con 12 cilindri a V. Un’iniezione di potenza che in molti dicono aggirarsi intorno agli 800 CV totali se non addirittura di più. Naturalmente però la potenza non è tutto ed ecco che in Lamborghini hanno fatto ciò che sanno fare meglio cioè abbattere ulteriormente le masse in gioco. Grazie all’ampio utilizzo di materiali composti ultraleggeri, la nuova Aventador Jota sarà in grado di regalare un rapporto peso/potenza di soli 1,98 kg/CV.

    Affilata come un rasoio

    Incrementata la potenza e ridotte le masse in gioco non poteva mancare un maggiore controllo e una dinamica ancor più sopraffina. Ecco allora che la nuova Lamborghini introdurrà un’aerodinamica attiva totalmente rivista. Stiamo parlando dell’ALA 2.0 con aero vectoring che, incrementando la downforce soprattutto in curva la dove è necessaria, è in grado di garantire un handling e una tenuta senza paragoni. Infine, i tecnici di Sant’Agata Bolognese dovrebbero aver lavorato sul telaio, rendendolo ancor più rigido e preciso, sui sistemi dinamici attivi e passivi, incrementandone le performance, sulla trazione integrale, aumentandone l’efficacia e le logiche d’intervento, sul sistema a quattro ruote sterzanti, aumentandone l’efficacia, e sulle tarature del controllo di stabilità e dello sterzo, migliorando il software del primo e la risposta del secondo.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Le ultima anteprime