a cura di Redazione Automobilismo - 16 October 2020

La Ford Fiesta divorzia dal motore diesel

Interrotta la produzione del motore a gasolio, a listino restano unicamente le unità benzina, Gpl e ibride leggere.

Prosegue la caccia alle streghe e anche un’altra piccola o utilitaria dice addio alla tanto osteggiata motorizzazione a gasolio. Si tratta nuovamente di una scelta dettata dalle sempre più stringenti normative sulle emissioni e dai sempre più severi cicli di omologazione che stanno spingendo la maggior parte dei costruttori automobilistici a dire addio a questa tipologia di alimentazione in quanto oramai troppo costosa per poter essere adeguata agli ultimi standard pro ambiente.

Ecco che un’altra illustre rappresentate della categoria delle piccole o utilitarie dice definitivamente addio al motore diesel. Stiamo parlando della Ford Fiesta, una delle utilitarie più vendute in Europa, che dallo scorso settembre ha interrotto la produzione delle unità a gasolio da 1.5 litri nella fabbrica di Colonia. Una scelta dettata anche in questo caso oltre che dai maggiori costi per contenere le emissioni anche da un sempre minore interesse da parte del pubblico per questa tipologia di motorizzazione su auto per così dire utilitarie.

Pur potendo ancora acquistare gli esemplari presenti negli stock delle concessionarie, in gamma rimarranno d’ora in avanti quindi le unità benzina, Gpl e ibride leggere. Stiamo parlando, infatti, del 1.1 litri benzina aspirato 4 cilindri da 75 CV, anche nella versione alimentata a Gpl, oltre che del più moderno 1.0 litri turbo benzina 3 cilindri con ibrido leggero capace di 125 CV.

© RIPRODUZIONE RISERVATA