a cura di Redazione Automobilismo - 16 October 2020

Mazda MX-30: innovativa e controcorrente

Simile a una comune endotermica nella guida di tutti i giorni ma piacevole e divertente tra le curve, la crossover giapponese a batteria eccelle per contenuti, sicurezza e comfort offerti. L’autonomia garantita costringe però a vederla come seconda auto, limitandone l’appeal. I prezzi partono da 34.900 euro.

Prima elettrica del Marchio giapponese, la MX-30 sorprende già per il suo nome. Se, infatti, in Mazda gli Suv vengono normalmente denominati con la sigla CX, questo nuovo modello a batteria preferisce fregiarsi del badge MX, quello che a Hiroshima indica i modelli più iconici e di rottura, sia per riportare in auge una tradizione storica del Brand quanto per indicare questo ulteriore e importante cambiamento.

MECCANICA E BATTERIA

Lanciata lo scorso ottobre al Salone di Tokyo 2019, la compatta crossover elettrica giapponese è fatta di scelte per certi versi controcorrente e si basa su una particolare filosofia: contenere il più possibile le emissioni anche in fase di produzione e smaltimento. Non per niente gli ingegneri giapponesi hanno pensato bene che una piccola batteria agli ioni di litio da 35,5 kWh fosse quel giusto compromesso tra peso aggiuntivo (solo 310 kg), inquinamento prodotto per realizzare e smaltire il pacco batteria e massima autonomia chilometrica garantita - soli 200 km dichiarati secondo il ciclo Wltp – una percorrenza più da city-car che da crossover ma che in Mazda reputano più che sufficiente per i quotidiani tragitti casa-lavoro.

Tale accumulatore da 355 Volt, racchiuso in un contenitore d'acciaio ad alta resistenza fissato al pianale a tutto vantaggio della rigidezza d'insieme, fornisce energia a un motore elettrico sincrono in corrente alternata (brushless a magneti permanenti) da 107 kW (145 CV) e 271 Nm che vanta un raffinato sistema di raffreddamento a liquido ed è declinato a spingere tramite una trazione esclusivamente anteriore una Suv coupé del peso tutto sommato contenuto (1.645 kg). Lo stesso pacco batteria può essere ricaricato oltre alla presa di ricarica domestica anche alle colonnine in corrente alternata (AC) a 6,6 kW dove servono 4 ore e mezza per un pieno o in quelle a corrente continua (DC) fino a 50 kW dove servono circa 40 minuti per ripristinare l’80% della carica.

ESTERNI, INTERNI E PREZZI

Lunga 4.395 mm, larga 1.795 mm e alta 1.555 mm, la Mazda MX-30 altro non è che una crossover coupé con dimensioni simili alla CX-30 da cui deriva. Anche sul fronte del design però il costruttore dagli occhi a mandorla ha voluto dimostrarsi anticonformista. In primis per le portiere laterali che si aprono a libro esattamente come avveniva per la Mazda RX8, una scelta sicuramente molto scenografica ma un po’ meno comoda rispetto alle soluzioni più classiche. In secondo luogo per le sue linee molto più robuste, bombate e meno filanti rispetto alle Mazda di ultima generazione, una silhouette sicuramente di effetto e abbastanza futuristica che trasmette eleganza e tutto sommato non spiace.

Anticonformismo ed ecologia che ritroviamo anche negli interni dove a impreziosire un abitacolo spazioso e arioso all’anteriore ma un po’ angusto e poco luminoso al posteriore troviamo una plancia lineare dal design minimal, rivestimenti in materiali plastici riciclati, rifiniture in sughero e rivestimenti dei sedili in ecopelle. Scelte “green” che comunque non diminuiscono il senso di qualità generale con forme e consistenze molto piacevoli che restituiscono un certo effetto “wow” soprattutto nella scelta cromatica bicolor dell’esemplare in prova. Sul fronte tecnologico a farne da padrone vi sono poi il gradevole schermo touch da 7 pollici per la regolazione della climatizzazione e lo schermo dell’infotainment, non touch ma gestibile tramite controller centrale, forse un po’ piccolo nelle dimensioni e leggermente troppo incassato nella plancia.

Declinata in tre diversi allestimenti (Executive, Exceed ed Exclusive), la nuova Mazda MX-30 attacca il listino con prezzi base rispettivamente di 34.900 euro, 37.600 euro e 39.350euro, ecoincentivi esclusi. Cifre sicuramente giustificate dalla buona dotazione di serie che arriva a includere sempre e comunque navigatore satellitare, Apple CarPlay e Android Auto, head up display, videocamera posteriore, sensori di parcheggio e tutti i principali Adas oggi disponibili sul mercato.

ALLA GUIDA

Fin dai primi chilometri la MX-30 sorprende per la sua estrema somiglianza con le vetture con motore endotermico. Ogni risposta di acceleratore, freno e sterzo risulta sempre omogenea, fluida e piacevole. La spinta, tipica dell’elettrico, c’è ma non è mai esagerata o invadente come su altre elettriche. Lo stesso si può dire della frenata rigenerativa che, seppur regolabile su cinque livelli tramite palette al volante, non risulta mai eccessiva o innaturale. Il rovescio della medaglia è però la non possibilità della guida con un solo pedale o il basso livello di ricarica della batteria in decelerazione e frenata.

Come se non bastasse la MX-30 si dimostra una Suv particolarmente piacevole tra le curve dove mette in mostra una dinamica di guida divertente e quasi priva di rollio, soprattutto in rapporto al suo peso non piuma (1.645 kg) e nonostante uno schema sospensivo con Mac Pherson e ponte torcente che sposa oltremodo un assetto confortevole al punto giusto e che sappia filtrare a dovere asperità e vibrazioni, accentuando il comfort acustico a bordo.

Chiudono il cerchio un sound del motore virtuale dalla timbrica molto particolare, ricreato appositamente per trasmettere il senso di velocità della vettura, e un’autonomia che potrebbe essere croce e delizia di un modello come questo. Pur presentandosi come crossover urbano, infatti, un’autonomia di circa 200 chilometri potrebbe rivelarsi per qualcuno un po’ troppo limitante specie se accompagnata da una velocità di ricarica che può fare affidamento al massimo sulle colonnine da 50 kWh.

SCHEDA TECNICA

Mazda MX-30 Exclusive

Motore Elettrico sincrono in corrente alternata (brushless a magneti permanenti), anteriore trasversale. Potenza massima 145 Cv (107 kW), coppia massima 271 Nm. C02 0 g/km (Wltp).

Trasmissione Trazione anteriore, cambio monomarcia.

Autotelaio Carrozzeria Suv coupé, 5 porte. Avantreno di tipo McPherson, molle elicoidali e ammortizzatori ad olio. Retrotreno a ponte torcente, molle elicoidali e ammortizzatori ad olio. Barra stabilizzatrice anteriore e posteriore. Sterzo a cremagliera con servo assistenza elettrica variabile. Freni anteriori con dischi auto ventilanti e posteriori a disco, sistema antibloccaggio ABS. Cerchi in lega leggera con pneumatici ant. 215/55-R18 e post. 215/55-R18.

Dimensioni e peso Passo 2.660 mm, lunghezza 4.395 mm, larghezza 1.795 mm, altezza 1.555 mm. Peso in ordine di marcia 1.645 kg. Capacità batteria (ioni di Litio) 35,5 kWh. Capacità bagagliaio 366 litri.

Prestazioni Velocità massima 140 km/h. Accelerazione 0-100 km/h in 9,7 s. Consumo medio 19 kWh/100 km (Wltp). Autonomia 200 km (Wltp). Tempistiche di ricarica 4 ore e mezza in AC a 6,6 kW o 40 minuti in DC a 50 kW

Prezzo da 39.350 euro

© RIPRODUZIONE RISERVATA