di Gabriele Canali - 20 novembre 2019

Alfa Romeo Giulia MY 2020: primo contatto

La berlina di casa Alfa si aggiorna dal punto di vista della tecnologia, ma nella sostanza si conferma la solita Giulia: piacevole e affilata nella guida. Ecco le nostre prime impressioni di guida

1/15

1 di 2

È cambiata dove doveva: a bordo. L’Alfa Romeo Giulia MY 2020, che arriverà in concessionaria a gennaio 2020, si riconosce per l’abitacolo caratterizzato dal nuovo quadro strumenti con schermo da 7 pollici e da un rinnovato display da 8,8”, ora touch, dell’infotainment. Rispetto a prima, l’impianto multimediale non è più esclusivamente gestibile attraverso la manopola alloggiata nel tunnel centrale. L’utilizzo dei comandi touch ha modificato l’interfaccia dell’infotainment, con una nuova grafica che ora si avvale di icone, simile a quelle delle app presenti sugli smartphone, che permettono di accedere in maniera immediata a media, navigatore, climatizzatore, servizi connessi, modalità di guida e sistemi di assistenza alla guida. La nuova Alfa Romeo Giulia MY 2020 migliora anche il livello di connettività. Grazie a una scheda Sim integrata, il sistema multimediale è sempre connesso in rete; inoltre è prevista anche la chiamata d’emergenza attivabile premendo un tasto sul cielo della vettura e sono disponibili alcune funzioni da remoto come chiusura/apertura portiere e localizzazione dell’auto tramite l’app su cellulare.

1/15

A bordo debutta anche il nuovo vano che comprende la ricarica a induzione, quindi senza filo, dello smartphone ed è stato modificato il selettore del cambio. Per quanto riguarda i dispositivi di assistenza alla guida, Giulia si arricchisce del sistema di monitoraggio del mantenimento della corsia di marcia, del controllo e avviso di pericoli nell’angolo cieco del riconoscimento segnaletica stradale e del sistema di monitoraggio dei segnali di stanchezza del guidatore. In dotazione anche il cruise control adattivo, che permette di regolare la velocità automaticamente rivelandosi particolarmente utile nel traffico cittadino e negli incolonnamenti. Anche il volante è stato rinnovato con l’aggiunta di nuovi comandi sulle razze, attraverso i quali è possibile attivare alcuni dei nuovi sistemi presenti sulla nuova Giulia. Per quanto riguarda i motori, la gamma ripropone le attuali unità: il benzina turbo 2.0 da 200 o 280 Cv e il turbodiesel 2.2 litri da 136, 160, 190 e 210 Cv. Nel corso del 2020 la gamma sarà completata dalla Quadrifoglio. Oltre a quello base, gli allestimenti propongono le varianti Super, Business, Ti, Sprint, Veloce e Veloce Ti.

1/15
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Le utime Anteprime