Volkswagen Golf Sportsvan 2018: salto in alto

2 settembre 2017
a cura di Redazione Automobilismo
Volkswagen Golf Sportsvan 2018: salto in alto
Si rinnova la monovolume compatta tedesca. Forte delle evoluzioni al debutto con la berlina Golf VII restyling, compie un passo avanti nelle dotazioni multimediali e di sicurezza.

Un tempo era la Plus

Volkswagen Golf Sportsvan 2018: salto in alto

La monovolume compatta tedesca, un tempo denominata Plus, si adegua all’aggiornamento della Golf berlina, dalla quale tradizionalmente deriva, beneficiando delle medesime evoluzioni a livello stilistico, tecnico, multimediale e di sicurezza. Un salto in alto che rilancia le ambizioni della vettura di Wolfsburg all’interno di un segmento sempre più eroso dal successo delle Suv compatte.

Connettività e multimedialità

Quando cambia la base, non può che mutare anche l’edificio costruito su di essa. Ecco infatti che la Sportsvan recepisce gran parte degli upgrade portati in dote dalla Golf VII restyling. Con questa condivide gli interventi estetici di dettaglio, limitati ai gruppi ottici, ora disponibili anche in configurazione full Led, al paraurti anteriore, lievemente più prominente e corredato di un’inedita presa d’aria inferiore, e all’aspetto generale della vettura, reso più affilato. Novità ben più rilevanti in abitacolo, a cominciare dal touchscreen al centro della console, ora disponibile in diverse configurazioni sino a 9,2 pollici. Il top di gamma, incluso nel sistema d’infotainment Discover Pro, si avvale dei comandi vocali e gestuali (tipo swipe) oltre che dei protocolli di comunicazione con i device portatili Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink. Non manca, infine, la possibilità di connettersi alla rete per fruire dei servizi on-line.

Frenata automatica d’emergenza

Volkswagen Golf Sportsvan 2018: salto in alto

La nuova generazione della Sportsvan cresce soprattutto sotto il profilo della sicurezza. Debuttano infatti il cruise control adattivo corredato della funzione di marcia semiautomatica – segue il traffico sino a 60 km/h, complice il controllo del mantenimento della corsia – la frenata automatica d’emergenza con riconoscimento dei pedoni, la lettura della segnaletica stradale e l’assistenza al parcheggio con il rimorchio.

Arriva il 1.5 TSI con tecnologia COD

Quanto al profilo strettamente tecnico, non muta il pianale della vettura, costituito dalla piattaforma MQB condivisa da molteplici modelli del Gruppo VW e portata al debutto dalla Golf VII nel 2012. La nuova Sportsvan, in vendita in Germania da fine ottobre, debutterà ufficialmente in occasione del Salone di Francoforte (14-24 settembre). Al momento la gamma motori non è stata confermata, ma si parla di due propulsori Diesel e tre nuovi TSI (turbo a iniezione diretta della benzina), tra i quali il 1.5 da 150 e 130 Cv corredato della tecnologia “cylinder on demand” (COD) che disattiva 2 dei 4 cilindri così da contenere i consumi. Confermata la disponibilità delle sospensioni a controllo elettronico.

Volkswagen Golf Sportsvan 2018: salto in alto
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta