Volkswagen Arteon: quasi ammiraglia

5 giugno 2017
a cura di Redazione Automobilismo
Volkswagen Arteon: quasi ammiraglia
Rappresenta il nuovo vertice della gamma Volkswagen. La berlina coupé a cinque posti tedesca anticipa gli stilemi dei futuri modelli di Wolfsburg. Ricca dotazione di sicurezza e potenze da 150 a 280 Cv.

A giugno in concessionaria

Volkswagen Arteon: quasi ammiraglia

È previsto nel corso del mese di giugno il debutto della nuova Volkswagen Arteon, vettura che segna il riavvicinamento della Volkswagen al segmento delle ammiraglie. Un’interpretazione del tema originale, in chiave sportiva, che mira a cancellare le difficoltà commerciali incontrate dalla Phaeton. La Casa di Wolfsburg quindi ci riprova, sfidando i brand più blasonati con una vettura dalle dimensioni non eccessive, caratterizzata da una linea da berlina coupé a cinque posti. Prezzi, in Germania, da 34.800 euro.

Una Gran Turismo XXL

Lunga 4,86 metri e con un passo di 2,84 metri, sotto il profilo concettuale la Arteon sfiderà la Bmw Serie 4 Gran Coupé e l’Audi A5 Sportback, sebbene entrambe le rivali siano più corte di, rispettivamente, 22 e 13 cm. Base tecnica della vettura è la piattaforma modulare MQB già ampiamente utilizzata dal Gruppo VW e condivisa con la Passat. L’altezza di 1,42 metri – 5 cm in meno rispetto alla citata Passat – ne tradisce l’indole da Gran Turismo, rimarcata dalle linee aggressive del frontale che introducono alcuni stilemi dei futuri modelli Made in Wolfsburg. Ai fari a LED, di serie per tutte le versioni, si accompagna così la “fusione” tra la mascherina e i gruppi ottici, mentre il cofano motore è solcato da inedite nervature e la zona posteriore, stile fastback, presenta montanti sottili, slanciati, che non appesantiscono la linea.

In caso di malore interviene lei

Dalla Passat mutua il layout della plancia, mentre il bagagliaio può contare su di una capienza compresa tra 563 e 1.557 litri. In abitacolo sono presenti tutte le più recenti tecnologie introdotte dal Gruppo Volkswagen, specie in materia di sicurezza. Sono infatti previste la frenata automatica d’emergenza, il cruise control adattivo – in grado d’interagire con la lettura della segnaletica stradale e con le informazioni fornite dalla navigazione satellitare – gli abbaglianti a gestione automatica, le luci di svolta predittive e l’innovativo Emergency Assist che, in caso di malore del guidatore, guadagna autonomamente la corsia di destra sino ad arrestare l’auto a bordo strada. Immancabili alcuni plus ormai tipici delle vetture di Wolfsburg, vale a dire la strumentazione digitale, l’head-up display, l’illuminazione ambientale a Led e il sistema d’infotainment Discover Pro con display touch da 9,2 pollici.

Volkswagen Arteon: quasi ammiraglia

2.0 TDI da 240 Cv in versione biturbo

La nuova Volkswagen Arteon adotta propulsori sovralimentati a 4 cilindri abbinati alla trazione anteriore oppure alle 4WD. Al lancio saranno disponibili, lato benzina, un 2.0 TSI da 280 Cv e, lato Diesel, un 2.0 TDI (16V common rail) da 150, 190 o 240 Cv (quest’ultimo biturbo). La trasmissione automatica a doppia frizione DSG a sette rapporti è di serie per tutte le motorizzazioni, mentre le versioni più potenti portano in dote la trazione integrale 4Motion.

Volkswagen Arteon: quasi ammiraglia
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta