Volkswagen Amarok: steroidi per il V6

20 aprile 2018
a cura di Redazione Automobilismo
Volkswagen Amarok: steroidi per il V6
Il pick-up di Hannover ha iniettato ulteriori 44 CV nel già poderoso V6 diesel da 3.0 litri.

Il Brand di Wolfsburg, dopo averlo introdotto solo due anni fa, ha deciso di vitaminizzare ulteriormente la motorizzazione più prestazionale a bordo del nuovo Volkswagen Amarok. Il 3.0 litri V6 TDI, in precedenza disponibile fino a 224 CV e 550 Nm, si avvale ora di ben 255 CV e 580 Nm di coppia, disponibili tra i 1.400 e i 3.250 giri/min, che grazie alla funzione overboost possono per brevi periodi raggiungere persino i 268 CV.

Inarrestabile

Disponibile in due diversi allestimenti (Highline e Aventura), il pick-up premium tedesco si avvale sempre del cambio automatico a convertitore di coppia ZF da 8 rapporti e della trazione integrale permanente (4Motion) senza marce ridotte ma con bloccaggio del differenziale posteriore, differenziale centrale autobloccante Torsen e ripartitore di coppia che consente l’attivazione e la disattivazione elettrica delle ruote anteriori motrici durante la marcia. Sotto pelle rimangono invariati l'assale rigido posteriore, il sistema di sospensioni a balestra a fogli multipli e i bloccaggi elettronici del differenziale (EDS).

Volkswagen Amarok: steroidi per il V6

Full optional

La versione top di gamma Highline e Avventura si caratterizzano per cerchi in lega da 20 pollici, fari bi-xeno, luci diurne a led, dettagli cromati ed elementi di contatto verniciati in tinta con la carrozzeria, rivestimenti in pelle per i sedili, il climatizzatore automatico di serie, la radio Composition Media con vivavoce Bluetooth, i sensori di posteggio anteriori e posteriori con retrocamera, gli specchietti richiudibili elettricamente, le luci di svolta e il sensore luci e pioggia.

Volkswagen Amarok: steroidi per il V6
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta