SOCIAL

CERCA

La piccola Suv tedesca si è guadagnata la copertina di questo mese grazie a qualità che di certo piaceranno al mercato. Ma il menù di Automobilismo di marzo non finisce qui

Pneumatici Hankook, due novità

Da Hankook pneumatici sicuri sul bagnato ma contemporaneamente capaci di garantire consumi inferiori e speciali tecnologie autosigillanti che in caso di foratura consentono di proseguire la marcia...

Oltre al nuovo pneumatico Ventus Prime3 Hankook ha presentato altre due novità destinate ad accrescere sicurezza e confort: i sistemi autosigillante Sealguard e antirumore “sound absorber”. Negli ultimi anni Hankook ha incrementato in modo significativo la prima fornitura per vetture del segmento premium di marchi quali Audi, Bmw, Porsche, Mercedes, grazie allo sviluppo di pneumatici con caratteristiche specifiche per le differenti tipologie di automobili e di sistemi all’avanguardia.

E’ il caso del nuovo Ventus Prime3, già in commercio, ma anche di altre interessanti novità, ancora in fase di verifica, che abbiamo potuto vedere in fase di produzione e collaudo nella fabbrica di Ràcalmàs, vicino a Budapest, e poi provare nel centro prove “Driving camp” di Zsàmbèk.

Il nuovo Ventus Prime3 può vantare diverse doti. Innanzitutto sarà disponibile per un’ampia clientela, essendo prodotto in 53 misure, per cerchi da 15” a 18”. Inoltre, grazie a quattro ampi canali longitudinali per drenare l’acqua e una nuova mescola ricca di silice concilia le doti di tenuta sul bagnato con una bassa resistenza al rotolamento, a vantaggio dei consumi. Questo nonostante una maggiore (10%) area di contatto al suolo. Secondo il produttore, rispetto al precedente Ventus Prime2 il nuovo pneumatico asimmetrico avrebbe diminuito rispettivamente dell’8% e del 3% lo spazio di frenata su fondo bagnato e asciutto, incrementando del 9% la durata.

Qualità che abbiamo potuto effettivamente riscontrare nel corso di un test su strada e di una prova di frenata su asfalto bagnato con due vetture equipaggiate con il nuovo Ventus Prime3 e un pneumatico della concorrenza classificato tra i top five nei test condotti da una delle maggiori riviste tedesche. Oltre al Ventus Prime3 nella fabbrica Attualità Hankook ungherese, prendono forma anche gli pneumatici auto sigillanti Ventus Prime2 con tecnologia Sealguard, al momento solo come primo equipaggiamento per le VW Passat e Touran.

Questa tecnologia rappresenta un passo avanti rispetto al pneumatico run flat, perché a differenza di quest’ultimo in caso di foratura consente al guidatore di procedere la normale marcia, dato che non si verifica perdita d’aria, senza doversi fermare per la riparazione. Il tutto grazie a uno strato di gel sigillante dello spessore di 4 mm posto all’interno del pneumatico, in grado di tappare un foro del diametro fino a 5 mm. Un vantaggio che si paga con un peso maggiore di 1,4 kg a ruota.

L’unico punto debole rimane la spalla del pneumatico, non protetta dal gel, in caso di “pizzicate” a seguito di contatti contro un marciapiede o urti su buche pronunciate. Lo speciale gel è progettato per durare almeno quanto l’intera vita del pneumatico senza subire alterazioni. Quindi è perciò auspicabile che la tecnologia Sealguard sia presto disponibile anche per altre misure.

Commenta con
Commenta con
AGGIORNA COMMENTI

Commenta la notizia