Kia Sportage 2.0 CRDi 185 Cv

20 marzo 2016
  • Salva
  • Condividi
  • 1/36
    Con l'ultima generazione della Sportage la Kia compie un ulteriore passo in avanti sul fronte della qualità e del confort di marcia. Dotazione particolarmente curata....

    INTERNI

    Fuori dagli schemi. E’ questo il primo pensiero che viene osservando la nuova Kia Sportage. Un design nuovo che rompe con il passato, un passato che con la terza generazione ha ottenuto notevoli consensi e segnato traguardi importanti in termini di vendite in tutto il mondo. Il nuovo frontale, molto imponente, è dominato dalla grande griglia centrale con a lato le luci diurne a led, led che troviamo anche per i proiettori posteriori. Un look imponente, accentuato anche dall’aumento della lunghezza di 4 cm e del passo di 3 cm; tutto questo a vantaggio di una maggiore abitabilità sia per i passeggeri che per il bagagliaio che passa da 456 a 503 litri di capienza. Gli interni sono razionali e, come detto, molto spaziosi; al centro della plancia troviamo il grande schermo touch da 7 o 8 pollici mentre il cruscotto è di tipo classico con il computer di bordo al centro.




    Il volante, comodo ed ergonomico, è ricco di tasti di controllo come del resto tutto l’abitacolo. Questa però non vuole essere una nota di demerito perché ogni comando è di semplice comprensione ed utilizzo. Per semplificare e rendere più sicura la guida di tutti i giorni ci sono una serie di ausili: il parcheggio autonomo, il controllo dell’angolo cieco, la frenata d’emergenza con il riconoscimento di veicoli e pedoni, il cruise control, il parcheggio assistito e il controllo della velocità di discesa, una funzione che viene utilizzata nel fuoristrada. Per ascoltare la vostra canzone preferita non poteva mancare l’impianto stereo firmato JBL con ben 8 altoparlanti corredati di amplificatore da 320 Watt che unisce potenza e nitidezza dei suoni. In generale gli interni della nuova Sportage sono la vetrina perfetta del grande passo in avanti fatto da Kia in questi ultimi anni: la qualità generale percepita e la cura nel dettaglio hanno raggiunto nuovi standard ponendo il marchio coreano come un competitor alquanto scomodo per le altre Case automobilistiche.

     



    Tra le motorizzazioni a benzina una delle novità è il 1.6 T-GDI AWD turbo da 177 Cv abbinato al nuovo cambio doppia frizione DCT che affianca un 1.6 aspirato da 132 Cv esclusivamente a trazione anteriore e con cambio manuale e sei rapporti. Più corposa l’offerta a gasolio che parte dal 1.7 CRDi da 115 Cv. Anche questo, per ora, disponibile solo a trazione anteriore e con cambio manuale. Per chi vuole cubatura e potenze superiore lo step successivo è il 2.0 CRDi da 136 Cv disponibile sia manuale che automatico ma solo a trazione anteriore che arriva a 185 Cv con la versione top di gamma automatica e a quattro ruote motrici. Da puntualizzare che per ora il cambio automatico a doppia frizione sarà disponibile solo per la sola versione turbo benzina, mentre per le varianti diesel viene riproposto il più antiquato convertitore di coppia a sei rapporti. 

     

     

    SU STRADA

    Per il nostro test drive abbiamo scelto il 2.0 CRDi da 185 Cv in allestimento GT-Line ovvero quello più ricco e sportivo; il motore 4 cilindri ferma il cronometro nello 0-100 in soli 9,5 secondi con una velocità di punta di 201 km/h, mentre la coppia massima di 400 Nm è disponibile tra i 1.750 e i 2.750 giri/min. La potenza è tanta, la spinta è buona già dai bassi regimi per perdersi un po' più in alto. Si sente la mancanza del doppia frizione più per comodità che per sportività dato che il cambio risponde meglio ad un’andatura rilassata mentre è più in difficoltà quando si cerca maggiore potenza risultando un po' lento nelle risposte. I consumi, se si esagera con il pedale, possono superare tranquillamente i 10 litri per 100 km, ma con un po' di attenzione si possono mantenere percorrenze medie superiori ai 13 km/litro. Una nota di merito va data alle sensazioni di guida: grazie al peso ridotto di circa 1.600 kg e all’utilizzo di acciai speciali, che conferiscono una maggiore rigidezza, la guida è dinamica e precisa. Lo sterzo è notevolmente migliorato rispetto alla precedente versione: oggi è più diretto. Le asperità del terreno vengono assorbite molto bene dalle sospensioni e si viaggia in totale confort a fronte di una certa rumorosità del motore.

     

    LISTINO

    La nuova Kia Sportage rappresenta una pagina nuova soprattutto in termini di stile e look; un’auto senza compromessi o piace o non piace che fa della qualità costruttiva uno dei suoi punti di forza. Disponibile a due e quattro ruote motrici permette di affrontare senza problemi sia lunghi tratti autostradali che percorsi in off-road. Molti i sistemi di ausilio alla guida e di sicurezza come gli equipaggiamenti di bordo; sia benzina che diesel completa la scelta tra gli allestimenti, trazione e tipo di cambio. I 5 anni di garanzia sono sempre una sicurezza.

    I prezzi di partenza delle versioni 2WD partono dai 21.000 euro per la 1.6 GDI benzina e 23.500 euro per la 1.7 CRDi diesel in allestimento Active. Aggiungendo 2.000 euro si passa alla versione Cool molto più ricca e completa, e salendo di altri 2.000 si arriva all’allestimento Class, top di gamma per la 1.7 CRDi. Solo due gli allestimenti previsti per le 4WD, R-Rebel e GT-Line, che partono dai 34.500 euro per la 2.0 CRDi da 136 Cv per arrivare ai 35.250 euro per la GT-Line da 185 Cv.

    In allegato in alto il listino pdf. 

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta