Nuova Honda CR-V 2018: l'era della maturità

12 July 2018
a cura di Redazione Automobilismo
  • Salva
  • Condividi
  • 1/75
    La rinnovata SUV giapponese, disponibile unicamente con il nuovo motore 1.5 litri turbo benzina, si gioca tutto sotto l’aspetto del comfort e della guidabilità. Da ottobre nelle concessionarie italiane a partire da 29.000 euro.

    Giunta alla quinta generazione e oramai sul mercato dal lontano 1995, la nuova SUV nipponica ha saputo compiere un notevole passo in avanti. Migliorata tanto sotto pelle, quanto nella sicurezza e nel comfort di bordo, dove la nuova CR-V è cambiata maggiormente è sotto pelle grazie all’introduzione di una nuova piattaforma e un nuovo comparto delle sospensioni. La nuova piattaforma fa largo uso di materiali avanzati, leggeri ed altamente resistenti così da ridurre il peso, massimizzare il comfort e migliorare l’handling della vettura. Inoltre il nuovo telaio ben si sposa con le rinnovate sospensioni all’anteriore di tipo MacPherson con braccio ribassato per offrire una più elevata rigidità laterale ed una bassa rigidità longitudinale e al posteriore di tipo Multi-link così da offrire una maggiore stabilità nella guida ad alte velocità e un comfort di guida superiore.

    Matura e razionale

    Sotto l’aspetto estetico la nuova SUV giapponese propone ora un look ancor più imponente, sportivo e moderno. Le linee squadrate, i passaruota maggiorati, i paraurti imponenti e i caratteristici gruppi ottici, le donano un piglio più muscoloso e sportivo e una maggiore presenza su strada. Negli interni, invece, a farne da padrone è il maggior comfort e l’aumentata abitabilità di bordo. Il tutto reso possibile dalla nuova piattaforma (più larga, più lunga e con un maggior passo), da portiere posteriori che si aprono quasi a 90°, da una configurazione a 5 o 7 posti e dal divanetto ribaltabile scorrevole avanti e indietro di 150 mm. In configurazione cinque posti lo spazio di carico raggiunge i 1.830 mm di lunghezza massima, che arriva a 1.800 mm in configurazione sette posti.

    Nuova Honda CR-V 2018: l'era della maturità

    Addio diesel e benvenuto ibrido

    Sotto il cofano la nuova CR-V dice addio alle motorizzazioni diesel, proponendo unicamente un motore turbo benzina da 1.5 litri 4 cilindri in grado di erogare ben 173 CV e 220 Nm nella versione con cambio manuale a 6 rapporti oppure 193 CV e 243 Nm con cambio automatico CVT. Non sarà importato neanche in futuro una versione con motore diesel ma arriverà entro fine anno un versione con motore ibrido, caratterizzato da un 2.0 benzina i-VTEC abbinato a due motori elettrici, che sarà ordinabile da gennaio dell’anno prossimo. Naturalmente alla semplice trazione anteriore (FWD) non poteva mancare la trazione integrale (AWD) caratterizzata da un nuovo sistema, chiamato Real Time AWD con Intelligent Control System, che sarà in grado di ripartire fino al 60% della coppia verso le ruote posteriori in caso in cui la nuova CR-V si dovesse trovare su strade a bassissima aderenza o in situazioni di emergenza.

    Nuova Honda CR-V 2018: l'era della maturità

    Per tutte le tasche

    Disponibile fin dal lancio in quattro diversi allestimenti: Comfort ed Elegance per la 2WD oppure Lifestyle ed Executive per la 4WD, la nuova Honda CR-V attacca il listino con un prezzo base di 29.000 euro ma può facilmente raggiungere quota 42.000 euro. Il lancio in Italia avverrà in autunno con un porte aperte nelle concessionarie fissato per il 20 e 21 ottobre 2018.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA
    Sposta