Nico Rosberg è campione del mondo F1, inutile la vittoria di Lewis Hamilton

28 novembre 2016
di Mirko Rovida
Nico Rosberg è campione del mondo F1, inutile la vittoria di Lewis Hamilton
Ad Abu Dhabi si celebra l’ultima puntata del mondiale F1. Nico campione, come prima di lui suo padre nel 1982

Nico rosberg è campione del mondo f1, inutile la vittoria di lewis hamilton

É stato necessario arrivare fino ad Abu Dhabi, ultimo GP della stagione F1 2016, per capire chi, tra Nico Rosberg e Lewis Hamilton, alla fine sarebbe stato incoronato campione del mondo di Formula 1. Tra pianti di gioia e sabbia del deserto è stato proprio il tedesco a sollevare in aria lo scettro di campione, strappandolo dalle mani del compagno di squadra, dopo una gara intensa e sofferta fino all’ultimo. Nico in questo modo diventa il trentatreesimo campione della storia, il primo tedesco a vincere il titolo su una vettura tedesca.

 

HAMILTON VINCE MA É SCONFITTO, ROSBERG RACCOGLIE FINALMENTE I RISULTATI DEL SUO DURO LAVORO

Il podio a fine gara ha riassunto tutte le emozioni di un duello durato 21 GP lungo tutto l’arco del campionato; Hamilton che, amareggiato, solleva il trofeo del vincitore non riesce, nemmeno per un momento, a nascondere al pubblico la propria delusione. Quel team radio del pilota inglese ai box Mercedes mentre cercava di rallentare, per compattare il gruppo durante gli ultimi giri, “Sto perdendo il campionato, non alcun importanza perdere o non perdere una gara”, oltre a sollevare polemiche legate al comportamento nei confronti del proprio team, evidenzia l’amara delusione di un campione che non sale mai in macchina per perdere e che questa volta deve arrendersi al rivale nonostante le abbia provate tutte fino alla fine, disperatamente. Certo, sulla classifica finale pesa come un macigno quello zero maturato in Malesia a causa di un guasto meccanico alla W07 numero 44, ma arrivando secondo Rosberg in quest’ultimo GP ha sicuramente dimostrato di meritarsi il titolo mondiale anche grazie alla sua straordinaria dedizione e a un sacrificio fisico e mentale che, alla fine di un lungo ed estenuante campionato, lo hanno premiato, regalandogli la gioia più grande. “Questo titolo è per mia moglie”, la dedica del neo-campione a fine corsa.

 

SEBASTIAN VETTEL, ELETTO PILOTA DI GIORNATA, COMPLETA IL PODIO

Proprio nel finale di stagione il circus ha ritrovato un Sebastian Vettel in splendida forma che, dopo un avvio di gara abbastanza anonimo, negli ultimi giri è riuscito a conquistare il podio grazie a una grande rimonta partita dalla sesta posizione. Il tedesco per via di una strategia differenziata e più aggressiva rispetto al compagno di squadra Kimi Räikkönen, nel finale si è ritrovato in grado di chiudere il gap con entrambe le Red Bull, poi agilmente superate, e di andare addirittura ad insidiare la seconda posizione di Rosberg negli ultimi due giri. Con la sua splendida gara Vettel ha regalato alla Ferrari un podio che ormai a Maranello mancava dalla gara di casa di Monza. Risultato molto importante, soprattutto dal punto di vista psicologico, poiché un buon piazzamento era proprio ciò che serviva al cavallino rampante per risollevare il morale all’interno della squadra in vista della prossima stagione.

 

SUL TRACCIATO DI YAS MARINA BUTTON E MASSA CHIUDONO LA LORO CARRIERA  

Almeno nel suo ultimo GP della carriera, Jenson Button sperava in un epilogo migliore; il pilota McLaren è stato invece costretto ad un ritiro per via di un cedimento strutturale nella sospensione anteriore della sua monoposto. Il guasto non ha però privato Button di una calorosa standing ovation proveniente da tutti i tifosi presenti ad Abu Dhabi, che hanno reso omaggio al campione 2009 al suo rientro ai box. Ultima gara della carriera anche per Felipe Massa, il quale però fu già omaggiato dai propri fans durante il GP di casa in Brasile. Entrambi lasceranno nella Formula 1 un vuoto che le nuove giovani leve avranno il compito di colmare negli anni a venire.

Mirko Rovida

POS

NO

DRIVER

CAR

LAPS

TIME/RETIRED

PTS

1

44

LewisHamilton

MERCEDES

55

1:38:04.013

25

2

6

NicoRosberg

MERCEDES

55

+0.439s

18

3

5

SebastianVettel

FERRARI

55

+0.843s

15

4

33

MaxVerstappen

RED BULL RACING TAG HEUER

55

+1.685s

12

5

3

DanielRicciardo

RED BULL RACING TAG HEUER

55

+5.315s

10

6

7

KimiRäikkönen

FERRARI

55

+18.816s

8

7

27

NicoHulkenberg

FORCE INDIA MERCEDES

55

+50.114s

6

8

11

SergioPerez

FORCE INDIA MERCEDES

55

+58.776s

4

9

19

FelipeMassa

WILLIAMS MERCEDES

55

+59.436s

2

10

14

FernandoAlonso

MCLAREN HONDA

55

+59.896s

1

11

8

RomainGrosjean

HAAS FERRARI

55

+76.777s

0

12

21

EstebanGutierrez

HAAS FERRARI

55

+95.113s

0

13

31

EstebanOcon

MRT MERCEDES

54

+1 lap

0

14

94

PascalWehrlein

MRT MERCEDES

54

+1 lap

0

15

9

MarcusEricsson

SAUBER FERRARI

54

+1 lap

0

16

12

Felipe Nasr

SAUBER FERRARI

54

+1 lap

0

17

30

JolyonPalmer

RENAULT

54

+1 lap

0

NC

55

CarlosSainz

TORO ROSSO FERRARI

41

DNF

0

NC

26

DaniilKvyat

TORO ROSSO FERRARI

14

DNF

0

NC

22

JensonButton

MCLAREN HONDA

12

DNF

0

NC

77

ValtteriBottas

WILLIAMS MERCEDES

6

DNF

0

NC

20

KevinMagnussen

RENAULT

5

DNF

0

Note – Palmer ha ricevuto una penalità di 5-secondi per aver causato una collisione con Sainz.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Sposta